Dionea

Dionea

Prima di tutto è necessario che siano sempre bagnate, non solo umide, proprio bagnate, immerse. Si può annaffiare continuamente o immergerle in un po’ di acqua che andrà aggiunta spesso, oppure utilizzare il metodo più semplice che consiste nell’uso di un sottovaso molto profondo dove andrà posato il vaso semi-immerso nell’acqua. Le piante carnivore possono crescere nel terreno fradicio anche immerse per metà, intorno a 1/4 di acqua circa del sottovaso.
Per questo è molto più semplice riempire il contenitore a metà, e, se l’alternativa è dimenticarsi di aggiungere acqua e farle seccare, è meglio metterne un po’ di più. L’acqua va sempre aggiunta al contenitore sottovaso e mai alla terra direttamente.
In questo modo si evita sia di lavare via la mucillagine appiccicosa delle drosere e altre varietà, sia la chiusura delle valve.

L’acqua giusta non è quella del rubinetto
Per le piante carnivore utilizzate sempre acqua demineralizzata, come l’acqua piovana o l’acqua distillata. Si può tenere un secchio vicino alla grondaia per la raccolta dell’acqua piovana. L’acqua distillata può essere acquistata presso un negozio di generi alimentari. La condensa di un condizionatore d’aria o di una pompa di calore è un’altra fonte di acqua priva di minerali e a costo zero. L’acqua demineralizzata tramite osmosi inversa è perfetta per le piante carnivore che crescono in terreni poveri di nutrienti. I minerali contenuti nell’acqua di rubinetto possono “super-fertilizzare” e “bruciare” le piante.

La qualità del terreno
I terreni poveri di nutrienti adattati alle piante carnivore sono spesso ricchi di torba e sabbia. È possibile ricreare questo tipo di ambiente utilizzando la torba di sfagno, ma non altri tipi di torba che sono troppo ricchi di minerali. La sabbia dev’essere pulita e lavata. Si può usare sabbia per giochi o sabbia orticola, purché sia ben pulita. Non utilizzare mai sabbia di spiaggia o a base di pietra calcarea, perché il contenuto di sale danneggerebbe le piante.
Il rapporto della miscela è di circa una parte di torba con una parte di sabbia e funziona bene per la maggior parte delle piante carnivore. Le Dionee, quelle con le “bocche”, preferiscono un po’ di sabbia in più, mentre le Nepenthes preferiscono molta più torba, ma l’importante non è tanto la proporzione, quanto la qualità della miscela che dev’essere composta solo da torba di sfagno pulita e sabbia lavata.

La luce, tanta luce
Le piante carnivore, come regola, crescono meglio in condizioni di sole; solo alcune preferiscono l’esposizione parziale al sole, generalmente quelle che appaiono più gracili e basse, che sono quelle che crescono nelle paludi.
Solitamente l’habitat della pianta carnivora tende a essere aperto e soleggiato; inoltre il pieno sole mette in risalto la pigmentazione rossa della maggior parte delle piante carnivore. Molte piante carnivore crescono abbastanza bene davanti alle finestre, al chiuso, in una stanza soleggiata. Ogni davanzale a nord funziona bene. Le piante possono crescere bene anche sotto la luce artificiale, con un timer impostato a 12-14 ore.

Nepenthes

Nepenthes

Umidità
Le piante carnivore crescono spontaneamente nelle paludi, per cui l’ambiente di crescita dovrebbe replicare queste condizioni. Come già detto, questo può essere facilmente realizzato semplicemente mantenendo le piante bagnate in ogni momento. Siccome non è possibile innaffiare le piante carnivore, si può scegliere di utilizzare un umidificatore posizionato nei pressi delle piante per aumentare l’umidità generale dell’aria, questo oltre il normale serbatoio di acqua del sottovaso. Non sigillare le piante in un contenitore ermeticamente chiuso perché questo inviterà a stabilirsi lì funghi e muffe che possono uccidere le piante in pochissimo tempo. Il ricircolo di aria è fondamentale in tutte le piante che hanno un tasso di umidità così alto.

Alimentazione e Fertilizzazione
Come regola generale non si nutrono o concimano. Cresciute nelle condizioni sopra descritte, le piante saranno in grado di raccogliere gli insetti da sole, che saranno sufficienti come integratori alla loro “alimentazione”. In genere cercano uno o due insetti al mese, non di più. Le trappole non vanno mai stimolate a vuoto o inseriti pezzi di carne cruda all’interno.
Gli insetti liofilizzati che si trovano nei negozi per animali forniscono una fonte eccellente di nutrizione. Le piante carnivore coltivate senza alimentazione supplementare d’insetti non potranno svilupparsi, ma bisogna fare attenzione e non esagerare. L’ideale sarebbe che le piante catturassero da sole il proprio insetto.
Da notare che, in caso di cattura di una grande mosca, alla pianta serviranno anche 12-24 ore per ucciderla, nelle quali si sentirà il ronzio della mosca che cerca di liberarsi, per tutto il tempo. Per questo motivo è bene che non siano posizionate in luoghi dove possano arrecare disturbo.

Le piante carnivore hanno bisogno di andare in letargo
Molte piante carnivore crescono originariamente in climi temperati e richiedono un periodo di letargo (dormienza). Questo è un meccanismo naturale di protezione che consente alle piante di sopravvivere al freddo dell’inverno. Alcune piante carnivore, come le drosere, formano gemme invernali, altre producono foglie invernali, mentre altre semplicemente perdono tutte le foglie esistenti. Se non si consente loro di riposare, le piante moriranno. Quando le piante cominciano a mostrare segni di dormienza, si deve ridurre l’acqua nel sottovaso e lasciare il terreno solo leggermente umido. Ridurre la quantità e la durata della luce diurna. Le piante carnivore non necessitano di luce durante il riposo vegetativo, anzi, il buio sarebbe la soluzione preferibile.





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.