Ben ritrovati cari lettori, in questo nuovo numero della rubrica Prime Armi, vogliamo parlarvi della coltivazione all’aperto in luoghi nascosti, meglio conosciuta come guerrilla.

La chiave per una coltivazione outdoor di Guerrilla è trovare il posto giusto per piantare e visitare il luogo scelto solo ogni volta che è necessario. Seppur possa sembrare strano questo metodo di coltivazione è stato per molti anni l’unico modo per autoprodurre in Italia, prima dell’avvento dell’indoor come lo conosciamo oggi. Le coltivazioni di cannabis clandestine di successo devono essere praticamente invisibili, quindi non lasciare mai indizi o rifiuti sul tuo tragitto. Procedi con accortezza per non lasciare tracce del sentiero che riporti alle tue piante e lascia sempre il luogo scelto più pulito di come l’hai trovato. Ora è il momento di imparare le basi per coltivare in stile guerriglia.

Inverno: prepariamoci al meglio
L’inverno è il momento perfetto per trovare nuovi punti di coltivazione di erba all’aperto di guerriglia. Il luogo in cui scegli di piantare è di gran lunga la decisione più difficile e importante che prendi. Se sei abbastanza fortunato da possedere una proprietà isolata, piantala lì, tuttavia la maggior parte dei coltivatori dovrà faticare per ottenere i propri raccolti. Sebbene non incoraggiamo la coltivazione di vasi su proprietà pubbliche, riconosciamo che troppo spesso i coltivatori prendono decisioni poco ponderate su dove piantare che portano alla scoperta delle piante o peggio.

Trova luoghi che difficilmente avranno visitatori di qualsiasi tipo durante tutto l’anno, che si tratti di escursionisti, cacciatori o campeggiatori. Quella radura con tralicci o linee elettriche può sembrare un ottimo posto, ma non sarà così ideale quando tecnici e riparatori di cavi si presentano a metà stagione. I punti migliori sono difficili da raggiungere, come il centro di un cespuglio spinoso o una scogliera remota fuori dai sentieri battuti.

Aiuta avere un alibi come il birdwatching o la pesca e trasportare cose come un binocolo o una scatola di attrezzi per migliorare la farsa. Cerca i pendii esposti a sud e tieni presente come si potrebbe presentare la tua zona di coltivazione dall’alto. Gli elicotteri della polizia volano in giro in quasi tutte le regioni alla ricerca di coltivazioni all’aperto e ovviamente non vuoi che individuino le tue preziose piante.

Cerca di non creare un percorso che conduca gli altri alla tua coltivazione: cambia spesso il tragitto per arrivarci se puoi. Considera anche un rifornimento idrico nelle vicinanze come un fiume, un ruscello o un lago. L’acqua pesa se deve essere trasportata, quindi dovrai ridurre la distanza dal luogo di approvvigionamento idrico. A meno che non piova costantemente durante tutto l’anno, arriverà un momento in cui dovrai portare l’acqua alle tue piante per assicurarne la crescita.

Se vuoi mettere fuori piante di grandi dimensioni, l’inverno è il momento ideale per radicare i cloni o avviare i semi in casa sotto alcune luci artificiali. È sempre meglio assicurare i primi mesi di vita in un ambiente controllato e ottimale per inserire a dimora piante più sane e forti che possono resistere anche alle più lievi intemperie.

Primavera: sfruttiamo il calore del sole
Quando l’inverno inizia a calare e la minaccia del gelo è passata, è tempo di preparare le tue piante per il travaso. Acclimatale alla luce solare più forte mettendoli all’aperto per alcune ore al giorno, se puoi. Aumenta gradualmente la quantità di tempo trascorso all’aperto al sole fino a quando non sei pronto a metterli nello spazio di coltivazione all’aperto scelto.

Raccogli le piante e portale nel luogo prescelto. Ora è il momento di scavare un buco profondo e lasciarci cadere un po’ di terriccio altamente pre-fertilizzato oltre a eventuali additivi e ammendanti organici. Mescola un po’ di perlite e argilla espansa che assorbono l’acqua per un mix più leggero che manterrà ancora più umidità per i periodi asciutti durante la prossima estate. Le radici prospereranno così, creando piante più forti in grado di sopportare il peso di enormi cime.

Rimuovi le piante dai tuoi contenitori e piantale nella miscela di terreno nelle tue buche che devono essere profonde circa 30 o 40 cm. Inserisci le piante e rabboccale con la miscela di soil prescelto, dopo di che innaffiale finché tutta la miscela sarà umida. A questo punto, è una buona idea usare un po’ di prodotti per il controllo preventivo dei parassiti nelle vicinanze, come una barriera contro le lumache o altri insetti che possono dar noia alle tue piante.

Alcuni coltivatori usano il filo di nylon per creare una barriera per le loro piante. I ruminanti in ​​particolare, amano mangiare i giovani germogli di cannabis, quindi se ti trovi in ​​una zona con pascoli, questa è una saggia precauzione. Assicurati che le tue piante ricevano abbastanza acqua nella loro prima fase del ciclo vitale in modo che le radici non si secchino. Le piante da esterno hanno bisogno di steli forti per resistere ai venti e alle forti piogge. Gli steli deboli dovrebbero essere legati a un paletto o un traliccio per farli rimanere in posizione verticale.

Estate: sostieni il pieno sviluppo delle tue piante
L’estate è fondamentale per lo sviluppo di rami sani e forti che sosterranno in seguito il peso delle gemme. Il calore può diventare un problema e la siccità ucciderà le piante prima che abbiano la possibilità di crescere. Ogni volta che non piove per più di 7-8 giorni, le piante dovranno essere annaffiate. Se scegli un punto vicino a una rete idrica, puoi utilizzare una pompa manuale economica per far scorrere l’acqua al tuo campo. In caso contrario, preparati a portare abbastanza acqua per saturare completamente le radici, è sempre meglio aggiungere più acqua del dovuto alla tua coltivazione se prevedi di non recarti in loco per più giorni. Aggiungi un po’ di nutrienti ricchi di azoto con fertilizzanti specifici, per integrare i nutrienti già presenti nella miscela del terreno.

Oltre all’irrigazione, controlla sempre la presenza di parassiti sulle tue piante quando visiti il ​​tuo sito di coltivazione all’aperto. Guarda la parte inferiore delle foglie e lungo i gambi per eventuali danni e esamina accuratamente l’intera pianta. Eventuali infestazioni dovrebbero essere affrontate immediatamente: se non prese in tempo possono rovinare l’intero raccolto.

Se hai piantato semi regolari e non cloni, dovrebbero mostrare il loro sesso verso la fine dell’estate. Rimuovi tutti i maschi non appena appaiono per evitare di riempire i boccioli femminili di semi. I fiori maschili sembrano piccoli baccelli di banana e le femmine mostrano peli bianchi che escono dai nodi dove i rami incontrano i gambi. Se in questa fase le foglie iniziano a ingiallire, aggiungi altro fertilizzante azotato diluito con l’acqua, molto spesso in terreni aperti e impervi, l’azoto è carente e quello presente nelle miscele di soil viene presto esaurito dalle radici delle tue piante.

Questo è il momento di pregare per la pioggia. In effetti, dovresti sempre essere contento delle piogge estive. Le piogge significano una visita in meno al tuo punto di coltivazione all’aperto e piante più grandi e più forti a lungo termine. La pioggia d’estate è tua amica, ma a breve cambieranno le cose con l’autunno.

Autunno: il momento del tanto atteso raccolto
Con l’avvicinarsi dell’autunno, dovrai aggiungere alcuni nutrienti e integratori per la fioritura per ottimizzare la tua resa. Questo è il momento perfetto per cospargere un po’ di guano di pipistrello che stimola la fioritura intorno alla zona delle radici e annaffiarlo. Le piante da fiore richiedono nutrienti per la fioritura, quindi ricordati di non eccedere con l’azoto e cerca prodotti con fosforo e ricchi di potassio.

L’autunno è anche il momento in cui l’umidità giocherà brutti scherzi, per evitare che le muffe come botriti e oidio invadano le tue cime, se puoi, scuoti la pioggia e l’umidità residua dai rami e dalle foglie. Come ultima risorsa, pensa a un raccolto preventivo una volta che hai assistito a un attacco di muffa che non puoi in alcun modo combattere.

Quando i colori dell’autunno iniziano a cambiare e il gelo si avvicina, è tempo di pianificare il raccolto vero e proprio. Scegli una mattina o una sera nuvolosa per evitare di incontrare qualcuno e prepara con cura la tua mission. Secchi e bacinelle sono ottimi contenitori per rami tagliati ma non sigillano i forti odori delle piante appena tagliate seppur li nascondano da occhi indiscreti; per questa fase fatti aiutare da uno o più amici fidati, munisciti di zaini da campeggio alle spalle e contenitori di vetro con chiusura ermetica. Assicurati di riporre i rami con l’estremità tagliata verso il basso per evitare di schiacciare il carico di cannabis. Taglia le tue piante in rami che si adattano ai contenitori e lavora velocemente per abbatterle e uscire dal sito di coltivazione. Porta il tuo raccolto in un luogo sicuro e inizia lì il processo di potatura ed essiccazione.

Mantieni la discrezione
Ora sai, stagione dopo stagione, i passaggi che devi compiere per iniziare una coltivazione di guerrilla, non ti resta che uscire in cerca del sito di coltivazione perfetto.

Ricorda però che anche il luogo più isolato può essere scoperto da un passante, che sia un privato cittadino o le forze del corpo forestale, cerca di fare più sopraluoghi per verificare l’effettiva presenza di persone lungo il tragitto che porta al sito che hai scelto, non dare mai per scontato che lì non vi passi nessuno, anzi, pensa sempre che ci sia qualcuno che possa vederti; così facendo non sarai mai colto impreparato.

Seppur la tecnologia abbia fatto passi da gigante che permettono ormai coltivazioni domestiche relativamente più tranquille, il growing outdoor di guerrilla rimane un must della produzione di cannabis, rimane la maniera più rurale di autoproduzione e regala raccolti generosi, richiedendo allo stesso tempo sforzi maggiori e impegno costante.

Bisogna ritornare a coltivare la terra, a ricongiungerci con madre natura per poter godere a pieno dei suoi frutti e imparare a rispettare l’ambiente che ci circonda. Lo sfruttamento intensivo dei terreni nuoce alla biodiversità e ci mostra quanto sia precario l’equilibrio che ci lega a questo pianeta.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.