Cannabis

Coltivatori armati contro polizia. In Albania è scoppiata la guerra del proibizionismo (video)

Il villaggio di Lazarat, nell’Albania meridionale, è da ieri assediato da oltre 500 poliziotti che stanno letteralmente cercando di conquistare militarmente oltre 300 ettari di terreno coltivati a marijuana. Ma i narcotrafficanti armati stanno ribattendo colpo su colpo, secondo le notizie si contano già diversi poliziotti feriti da colpi di arma da fuoco. Il villaggio è stato blindato dalle forze di sicurezza di Tirana con due check point che pattugliano militarmente Lazarat, impedendo che i narcotrafficanti possano fuggire o che gli possano arrivare rifornimenti di uomini e armi.

(il video girato dai narcotrafficanti che documenta gli spari contro la polizia)

LA REPUBBLICA DELLA MARIJUANA. Lazarat negli ultimi anni si era già guadagnata l’attenzione dei media mondiali che l’avevano ribattezzata la “Repubblica della marijuana”, dopo che dei velivoli da ricognizione avevano mostrato 319 ettari di terreno coltivati a marijuana che ogni anno frutterebbero 900 tonnellate di raccolto per un valore di 4,5 miliardi di euro. A Lazarat la coltivazione coinvolge tutto il villaggio, anziani compresi, con tanto di lavoratori stagionali che giungono da altre regioni dell’Albania al momento del raccolto. Ora l’irruzione delle forze dell’ordine mira a sgominare questo enorme traffico, ed il direttore generale Artan Didi ha dichiarato che “non ci sarà il ritiro da Lazarat e l’operazione che andrà avanti a lungo fino a quando non sarà smantellata l’intera rete criminale”. Secondo le fonti del governo le forze di polizia sarebbero già riuscite a conquistare 7 piantagioni, all’interno delle quali stavano crescendo circa 10 mila piante di canapa.

(un estratto di un telegiornale albanese che mostra le immagini dell’operazione)

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button