Ambiente e naturaLifestyle

Coltiveremo piante sulla Luna?

Un team di ricercatori ha fatto germogliare delle piante sul terriccio prelevato dalla Luna

Coltiveremo piante sulla Luna?

Potranno mai esserci delle coltivazioni di piante sulla luna? Per il momento la risposta è ancora no, ma la situazione potrebbe presto cambiare.

Un team di studiosi dell’Università della Florida è, infatti, recentemente riuscito a far germogliare delle piante di arabeta comune su dei campioni di regolite lunari, prelevati e portati sulla terra da tre diverse missioni Apollo.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Communication Biology”, potrebbe rappresentare il punto di partenza per la nascita di un programma di ricerca di ampio respiro sulla concreta possibilità di crescere piante sul suolo lunare.

“In passato le piante ci hanno aiutato a chiarire che il suolo lunare non contiene patogeni o altre componenti sconosciute potenzialmente pericolose per la vita terrestre. Ma finora gli esemplari erano stati soltanto “spolverati” con la regolite lunare, non cresciuti in essa” ha affermato Anna Lisa Paul, ricercatrice e professoressa presso l’Insitute of Food and Agricultural Sciences dell’Università della Florida, nonché principale ricercatrice dello studio insieme a Rob Ferl, anche lui professore presso il medesimo ateneo. “Nel futuro, per le missioni spaziali più lunghe, potremmo usare la luna come base o come piattaforma di lancioha affermato Ferl.

Si tratta di uno studio potenzialmente rivoluzionario, sebbene i risultati non siano ancora dei più incoraggianti per un’eventuale coltivazione in larga scala. Gli scienziati sono, infatti, riusciti a far crescere i germogli di arabeta sul terriccio lunare, ma, secondo i primi dati raccolti, le piante preferirebbero di gran lunga il suolo terrestre. La regolite è, infatti, un minerale ricco di minerali ferrosi, povera di nutrienti e cosparsa di frammenti di vetro potenzialmente pericolosi anche per l’integrità delle tute degli astronauti.

Non è un caso che, se paragonate alle piante cresciute su terriccio terrestre, le arabete germogliate su quello lunare presentino radici più corte e geni riconducibili a chiari segni di stress ambientale. Lo studio rappresenta, comunque, un potenziale punto di svolta per lo sviluppo di tecniche agricole utili non solo alla produzione di grandi coltivazioni su terreni inospitali ma anche – o soprattutto – a un’eventuale produzione di ossigeno in altri pianeti.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button