Buone notizie

Coltivare il deserto: la sabbia torna fertile

Una start-up con un azienda agricola nel Sahara è in grado trasformare l'arida sabbia del deserto in nuove fertili coltivazioni

coltivare deserto

Lì dove oggi ci sono immense distese di sabbia arida, domani potrebbero esserci fertili campi rigogliosi.

Se uno dei problemi maggiori di oggi dal punto di vista dell’agricoltura è la desertificazione dei terreni, con la conseguente diminuzione di terre coltivabili per tutti, una start-up francese ha deciso di affrontare il problema alla radice, ideando un sistema per tornare, nel giro di 5 anni, a coltivare dove oggi ci sono enormi dune di sabbia.

L’azienda in questione ha il nome evocativo di “Sand to Green”, ha sede a Parigi ed è stata co-fondata da Wissal Ben Moussa che sottolinea che: “La nostra soluzione è utilizzare l’agroforestazione per creare un nuovo tipo di agricoltura sostenibile e resiliente ai cambiamenti climatici”.

COLTIVARE IL DESERTO

E così, con il claim “Coltiviamo il deserto”, hanno ideato un progetto basato sulla rigenerazione del suolo e l’utilizzo di acqua salmastra desalinizzata che si articola in 3 pilastri: l’utilizzo di moduli per rendere l’acqua salata potabile alimentati da energia solare, la massimizzazione della produzione coltivando diverse specie vegetali insieme, l’utilizzo di un software dedicato per questa operazione.

Per quanto riguarda l’irrigazione spiegano che l’acqua recuperata viene poi irrorata con sistemi a goccia nei terreni a cui viene aggiunto il biochar che immagazzina carbonio e trattene l’acqua per evitarne il deflusso.

Il cuore dell’esperimento è la fattoria organica di Nahza, che sorge in Marocco nel deserto del Sahara e pratica la permacoltura.

“Le nostre piantagioni sono replicabili. Stiamo lavorando su centinaia di ettari di nuovi progetti in Marocco e altrove con le nostre soluzioni agroforestali”, spiegano sul sito i ragazzi che hanno trovato in questa via la risposta ai problemi del futuro di agricoltura e sostenibilità.



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio