CannabisAvvocato rulez

Coltiva tre piantine di cannabis: l’accusa chiede una condanna a 8 anni di carcere

Coltiva tre piantine di cannabis: l'accusa chiede una condanna a 8 anni di carcereUna richiesta shock: otto anni di carcere per la coltivazione di tre piante di cannabis. È l’assurda pena proposta dal vice procuratore del tribunale di Avellino nei confronti di un giovane residente a Roccabascerana.

Una proposta di condanna che smentisce l’orientamento di molti magistrati italiani, propensi a infliggere pene minime o l’assoluzione, agli imputati finiti sotto processo per coltivazioni a evidente scopo di consumo personale, ma che dimostra una volta di più come l’atteggiamento dei magistrati sia assolutamente ondivago.

A salvare il ragazzo protagonista di questa vicenda il fatto che le sue tre piante di cannabis, una volta sottoposte alle analisi di rito, hanno rivelato una concentrazione molto bassa di Thc, tanto da rendere quasi nulle sotto il profilo della capacità di generare effetti psicoattivi.

I difensori del ragazzo – gli avvocati Francesco Buonaiuto e Sonia Giusto –  hanno puntato proprio su questo non secondario aspetto per dimostrare che “il fatto non sussiste”. Tesi accolta dal giudice monocratico che ha assolto l’imputato.

Rimane comunque agli atti l’assurdità della richiesta del vice procuratore, il quale ha chiesto il massimo della pena possibile nei confronti di un ragazzo che aveva coltivato solo tre piantine di canapa.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.