coltivazione cannabis colombiaLa legalizzazione della cannabis marcia velocemente nelle Americhe. Otto stati Usa hanno già adottato la legalizzazione della cannabis, mentre ormai oltre la metà ne concede l’uso a fini medici. Il Canada legalizzerà entro l’anno su tutto il territorio dello stato, in Uruguay e Giamaica è già legale, mentre molti stati del centro e sud America hanno approvato la cannabis terapeutica o si apprestano a farlo.

IN TUTTE LE AMERICHE LA RIFORMA MARCIA VELOCE. Un quadro di riforma inaspettato fino a pochi anni fa, esaltante per i nuovi diritti che concede ai cittadini, il progresso della scienza medica e la diminuzione della repressione che, specie in quella parte di mondo, aveva provocato milioni di carcerazioni tra consumatori e piccoli spacciatori. Una vittoria che però rischia di lasciare sul campo anche delle vittime, che come sempre andranno contate tra le fasce marginali della popolazione. Stiamo parlando dei coltivatori di cannabis degli stati del centro e sud America. Migliaia di campesinos che per decenni hanno trovato nella coltivazione della canapa per conto dei signori della malavita l’unica possibile fonte di reddito per la propria famiglia.

I CAMPESINOS RISCHIANO DI DIVENTARE ANCOR PIÙ POVERI. La progressiva legalizzazione sta infatti rendendo via via superflua la coltivazione illegale nel sud continente (tema che avevamo già approfondito in questo articolo). Una situazione che se è vero che preoccupa coloro che muovevano i fili del narcotraffico – ai quali rimangono pur sempre enormi quantità di denaro e molte altre droghe illegali da commerciare – sta trasformandosi in un vero allarme sociale per coloro che erano la base del commercio illegale, appunto i coltivatori.

IL CANNABUSINESS NORDAMERICANO PUNTA A DELOCALIZZARE. La Colombia ha già approvato la legalizzazione della cannabis per usi terapeutici e si appresta a vararne la coltivazione. Non solo per il mercato interno ma anche per l’esportazione. A questo infatti spingono le aziende canadesi e americane, desiderose di poter delocalizzare al vicino del sud la produzione della canapa, abbattendone i costi, lasciando nei propri stati la sola trasformazione del prodotto. In questo senso va registrata l’azione della società americana Medical Marijuana Inc. che ha già annunciato l’intenzione di avviare in Messico la produzione di una varietà di cannabis ad alto contenuto di CBD, mentre secondo quanto dichiarato dal sindaco della città colombiana di Corinto anche alcune aziende canadesi avrebbero avviato l’iter autorizzativo per aprire nella città un centro di produzione di cannabis.

“SAPPIAMO COLTIVARLA, LASCIATECELO FARE”. Proprio a Corinto la notizia non è piaciuta affatto ai contadini. La città rappresenta da sempre uno dei maggiori centri di produzione di marijuana illegale, grazie al quale trovano (o meglio trovavano) sostentamento buona parte degli abitanti. Quello che chiedono è che il nuovo regime di produzione legale della cannabis non li dimentichi e non diventi un business solo per lo stato o per ricchi industriali stranieri. Per questo oltre a protestare si stanno anche riunendo in cooperative, con le quali sperano di poter ottenere dal governo la licenza per continuare a coltivare cannabis in modo legale. Con l’appoggio del sindaco Edward Garcia che ha dichiarato che «i campesinos devono essere coinvolti, anche perché sono quelli che meglio di tutti sanno come si coltiva la canapa».

LA FINE DELLA WAR ON DRUGS NON DEVE FARE NUOVE VITTIME. La posta in gioco è alta. La Colombia sta attuando una rapidissima svolta dopo decenni di war on drugs. Lo stesso ministero della Salute della Colombia, Alejandro Gaviria, ha affermato che il paese «ambisce a diventare un protagonista economico importante nella produzione di cannabis terapeutica». Il governo ha già concesso tre licenze ad aziende locali per la produzione di cannabis, ma la legge impone che i soggetti che richiedono le licenze non devono aver nessun precedente penale nel traffico di droga. Una norma che ha senso per evitare che i grandi narcotrafficanti riescano a riciclarsi nel nuovo mercato legale, ma che rappresenta una beffa per migliaia di contadini poveri, che nella coltivazione della canapa trovavano il modo per dare da mangiare alle proprie famiglie. Uno degli obiettivi della legalizzazione dovrà essere anche quello di non lasciarli indietro.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.