Terapeutica

Clinn: il poliambulatorio dedicato alla cannabis, premiato in Europa

Clinn: il poliambulatorio dedicato alla cannabis, premiato in Europa
Un poliambulatorio che offre cure a base di cannabis, declinate dai vari medici presenti a seconda della necessità del paziente. Parliamo di Clinn, centro medico nato a Milano, che vede coinvolti diversi medici e professionisti, tra i quali la dottoressa Stefania Fossati specializzata in oncologia e psicoterapia, e il dottor Marco Bertolotto, Direttore del Centro Terapia del Dolore e Cure Palliative dell’ Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, che i nostri lettori conoscono già da tempo.
Oltre a ricevere i pazienti all’interno del Poliambulatorio, i medici di Clinn offrono anche il servizio di telemedicina, per facilitare lo svolgimento di una visita specialistica a distanza al tempo del Covid. Per capire meglio il funzionamento di Clinn, che di recente è stata eletta agli Awards 2020 di Canex come la miglior clinica che offre trattamenti a base di cannabis in Europa, ne abbiamo parlato con il fondatore Maurizio Valliti.

Come è nata l’idea?
Partendo dalla realtà delle cliniche americane e dopo attente analisi di mercato, a inizio 2019 abbiamo deciso di replicare il modello anche in Italia creando un vero centro medico specializzato in terapie integrative a base di cannabinoidi, nel pieno rispetto della normativa nazionale in vigore. A maggio 2019 l’incontro e la condivisione del piano con il dottor Bertolotto sancisce di fatto l’avvio del progetto Clinn e dei lavori poi conclusi nel giugno 2020 con il rilascio da parte dell’ATS della Città Metropolitana di Milano dell’autorizzazione allo svolgimento dell’attività sanitaria e la conseguente apertura del centro.

Oltre all’ambulatorio avete implementato anche un servizio di telemedicina…
Nel poliambulatorio di Milano sono presenti medici con diverse specialità che erogano prestazioni sanitarie in presenza. Dato il periodo e le restrizioni agli spostamenti, ai pazienti offriamo anche la possibilità di sostenere una visita in telemedicina, ed è un’iniziativa che sta avendo un grande successo. Inoltre, il rilascio di un App dedicata e l’invio programmato di questionari e sondaggi, ci consentono di tenere sotto controllo medico il paziente monitorando a distanza alcuni dei suoi parametri.

Che tipo di professionisti ci sono a Milano?
Clinn è un poliambulatorio di medicina integrata e terapia del dolore. Il team medico è composto da professionisti che hanno seguito un intenso programma di formazione per poter prescrivere in modo efficace e sicuro medicinali a base di cannabis. Il nostro direttore sanitario Stefania Fossati è specializzato in psicoterapia ed oncologia, Marco Bertolotto è il medico referente per il trattamento del dolore associato a numerose patologie, le dottoresse Valentina Florean e Giulia Garaffo sono esperte in nutrizione, infine la dottoressa Simona De Cristofano, in qualità di counselor, offre sostegno e supporto ai nostri pazienti. Nell’ottica di ampliare e migliorare l’offerta sanitaria per i nostri pazienti, a breve inseriremo tra le specialità ambulatoriali anche la medicina generale, la fisiatria, la fisioterapia e la possibilità di usufruire di servizi di assistenza domiciliare.

Qual è il vostro modello operativo? 
Clinn: il poliambulatorio dedicato alla cannabis, premiato in EuropaIl nostro approccio si basa sull’identificazione e la valutazione dei bisogni sanitari del paziente che intende trattare la propria patologia con farmaci cannabinoidi. Dunque analizzando le difficoltà che caratterizzano il panorama italiano attuale, tra tutti la mancanza di medici esperti e le difficoltà di approvvigionamento del farmaco, abbiamo previsto l’organizzazione di un sistema strutturato di servizi a supporto del paziente, chiamato “Programma ClinnPerTe”. Prevede un servizio gratuito di counseling sanitario, un servizio di supporto da parte di un medico specialista e un servizio interno che si occupa della gestione delle prescrizioni per cercare di garantire la reperibilità del farmaco e la continuità terapeutica ai nostri pazienti. Attraverso un’accurata attività di controllo e di assistenza da parte dell’intero staff, siamo dunque in grado di supportare il paziente nel percorso terapeutico proposto e nella corretta somministrazione dei farmaci a base di cannabinoidi, accompagnandolo dalla prima visita al primo controllo fissato dopo circa 60 giorni. Diciamo che non ci fermiamo al rilascio della prescrizione ma intendiamo prendere in carico il paziente durante il loro percorso di cura in Clinn.

State ricevendo molte richieste? In genere per quali patologie?
Sì, le richieste sono parecchie e le patologie sono in genere quelle riconosciute dal servizio sanitario nazionale, con una predominanza di pazienti cronici che seguono terapie per il dolore, come l’artrite reumatoide, o neurodegenerative come la sclerosi multipla, che vorrebbero migliorare la qualità del loro stile di vita. Complice anche il lungo periodo di pandemia, negli ultimi mesi si rivolgono a noi anche molte persone con disturbi legati all’ansia, allo stress e all’insonnia.

Quali sono i costi per il paziente?
Il percorso “Clinn Per Te” prevede una prima visita al costo di 200 euro e il successivo controllo a 60 gg al costo di 150 euro. In questo arco temporale il paziente usufruisce gratuitamente dei servizi previsti dal nostro programma di supporto, ricevendo 2 video-consulti con il counselor e assistenza dal nostro servizio di customer care. Dopo questa prima fase iniziale di trattamento, prevediamo lo svolgimento di visite di controllo trimestrali al costo di 120 euro. Stiamo inoltre attivando delle convenzioni con le principali associazioni e compagnie assicurative in ambito sanitario per consentire ai nostri utenti di usufruire di alcune agevolazioni sulle tariffe.

Nel frattempo siete stati premiati come la clinica migliore a livello europeo…
Dalla fine dello scorso anno abbiamo avviato una collaborazione con Sapphire Medical Clinics, la prima clinica di cannabis medica registrata nel Regno Unito i cui medici sono professori e ricercatori dell’Imperial College di Londra. Proprio per questo motivo, oltre alla condivisione delle pratiche cliniche utilizzate dai rispettivi medici e all’organizzazione di eventi di formazione condivisi, la partnership tra le due cliniche, prevede la condivisione di dati clinici e di outcome di salute relativi ai propri pazienti. Nell’ambito di questa collaborazione, nel mese di novembre siamo stati segnalati proprio dai medici di Sapphire agli Awards 2020 di Canex, abbiamo così trasmesso la documentazione richiesta e a seguito della valutazione della giuria con grande orgoglio abbiamo ricevuto questo riconoscimento.

Quali sono i vostri prossimi progetti?
Oltre al poliambulatorio di Milano, nei prossimi mesi lanceremo il progetto Clinn Network, un programma di affiliazione pensato per medici esperti e già prescrittori, con l’obiettivo di avere una maggiore copertura territoriale e consentire anche ai pazienti di altre regioni d’Italia di poter usufruire dei nostri servizi. Ai medici che entreranno a far parte del nostro network, saranno forniti gli opportuni strumenti di lavoro, tra cui un software comprensivo di APP per la gestione dei pazienti e l’emissione delle prescrizioni, oltre alla possibilità di partecipare a specifici corsi di formazione in collaborazione con Sapphire Medical Clinics. Abbiamo già ricevuto diverse manifestazioni di interesse da parte di alcuni medici prescrittori e siamo certi di riceverne molte altre non appena il nostro programma di selezione e di affiliazione sarà avviato.

Clinn: il poliambulatorio dedicato alla cannabis, premiato in Europa

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.