cliff-robinson

I sostenitori delle proprietà benefiche della cannabis hanno trovato un testimonial d’eccezione: Uncle Cliffy, al secolo Clifford Ralph Johnson, famoso cestista della squadra dei Portland Trail Blazers, che ora si fa chiamare Uncle Spliffy (Spliff significa canna) dal nome della società che ha creato con lo scopo di produrre marijuana per gli atleti.

CliffLa scelta del nome non è casuale, infatti dopo una lunga e gloriosa carriera offuscata nel 2001 e nel 2006 dall’arresto per uso di cannabinoidi, dopo aver avuto l’eccezionale privilegio di essere stato il secondo giocatore più vecchio della NBA, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla produzione di marijuana, condividendo pubblicamente la sua esperienza personale per sfatare i luoghi comuni che ancora spingono la Nba e altre associazioni sportive a inserire la cannabis tra le sostanze proibite in una metaforica lista di proscrizione di tutto ciò che non rientra nell’elenco dei farmaci legittimati dalla medicina tradizionale .

Clifford Robinson sostiene che la marijuana può rappresentare una valida ed efficace alternativa alle medicine che gli atleti sono costretti ad assumere con effetti devastanti sulla loro salute. Infatti, la cannabis, a differenza dei farmaci sintetici somministrati ai giocatori, è del tutto naturale, innocua e rappresenta un ottimo rimedio per allentare la tensione e rilassarsi. Robinson si è lanciato in un’appassionata apologia delle proprietà benefiche dei cannabinoidi, portando allo scoperto, invece, tutti i risvolti negativi delle sostanze chimiche ritenute paradossalmente “legali” che inducono una forma di dipendenza subdola e non riconosciuta.

Screen_Shot_2016-01-21_at_10.07.01_PM.0A gennaio è nata “Uncle Spliffy” una società che ha come principale obiettivo la diffusione della conoscenza delle proprietà della cannabis. Lo Stato dell’Oregon ha legalizzato l’uso dei cannabinoidi sia a scopo terapeutico che ricreativo, segnando un’importante vittoria per Clifford, il quale, come si è detto, durante la sua leggendaria carriera, ha pagato in prima persona per aver fatto uso di cannabis, infrangendo ripetutamente il regolamento della Nba. Le virtù terapeutiche della marijuana sono ormai universalmente riconosciute dalla scienza ed è ancora in fase di sperimentazione un protocollo di cura che impiega i cannabinoidi nella terapia del cancro, ma le parole di Clifford, amplificate dall’eco mediatica, acquistano un valore importante, perché l’ex cestista ha sperimentato sulla propria pelle gli effetti negativi dei farmaci per gli atleti e ritiene doveroso proporre soluzioni che limitino lo stress psicofisico che incide negativamente sulle prestazioni atletiche.

La Nba e la lega del basket universitario Ncaa non consentono ai loro atleti di assumere marijuana e la battaglia condotta da Robinson non è riuscita finora a cambiare le rigide regole del gioco. Le opinioni di Clifford Robinson sono condivise da altri noti personaggi del mondo dello sport come l’ex giocatore di football americano Kyle Turley e Jay Williams, costretto a rinunciare a una promettente carriera nei Chicago Bulls a causa di un incidente stradale.

Clifford Robinson è ospite di conferenze in molti Paesi degli Stati Uniti e le sue dichiarazioni sulla marijuana sono confermate da medici sportivi che sottolineano il divario esistente tra cannabis e sostanze dopanti.

Finora solo la Nfl non include la marijuana tra le sostanze proibite e quindi, si preannuncia una difficile battaglia per abbattere i pregiudizi e riscattare finalmente la cannabis, riconoscendole quel ben noto ruolo terapeutiche che influisce positivamente sul sistema neuro-muscolare, senza danneggiare in modo irreversibile l’organismo, come fanno, invece, le sostanze dopanti. C’è da scommettere che Clifford Robinson vincerà prima o poi anche questa difficile battaglia che, d’altronde, sta combattendo da una vita.

marijuana-reviewer





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.