C’è grande fermento nel mondo dello spettacolo viaggiante a causa della votazione parlamentare che ha visto 265 voti a favore e 13 contrari sul “riordino del settore dello Spettacolo”. Dopo decenni di silenzio pare infatti che il governo italiano abbia deciso di dire (timidamente) la sua, decretando il graduale superamento della presenza degli animali negli spettacoli itineranti.

Non si può che accogliere positivamente una presa di posizione dovuta, nel pieno rispetto della vita, soprattutto pensando allo stato in cui questi animali vivono. Se i circhi dovessero sottostare ai rigidi protocolli imposti agli zoo non avrebbero la possibilità di esistere, perché l’eterno viaggio a cui sono costretti gli animali per il solo scopo di divertire è senz’ombra di dubbio disumano e incompatibile con il loro benessere (come tenere gli animali in gabbia, intendiamoci, che in questo caso è tristemente il meno peggio).

Il governo ha ora un anno di tempo per attuare le linee guida votate e a tal proposito poniamo l’accento sulla terminologia utilizzata, perché in questo caso la buona notizia è sulle intenzioni dichiarate, ben diverse dalla messa in pratica delle stesse. Di fatto si parla di graduale superamento, che vuol dire tutto e niente. Si prospettano mesi, e molto più probabilmente anni, di attesa per non vedere più spettacoli di animali, ma solo destrezze umane sotto i tendoni a strisce.

Dall’altra parte sono diversi gli Stati europei che vietano l’utilizzo di animali nei circhi, di tutti gli animali, domestici compresi, tra questi Paesi Bassi, Austria, Croazia, Cipro, Grecia, Malta e Slovenia. Proprio nel caso dei Paesi Bassi poi troviamo il più grande rifugio europeo, il Landgoed Hoenderdaell, un luogo dove gli animali selvatici tenuti in cattività possono tentare di ritrovare un pò di pace.

Perché non basta vietare l’uso (o l’abuso?) degli animali per renderli liberi, visto che liberi il più delle volte non lo sono mai stati. Occorre quindi attivare una rete di supporto con la finalità di far vivere nel miglior modo possibile elefanti, tigri, leoni, scimmie, giraffe, dromedari, zebre.

Ai più scettici lasciamo uno spunto di riflessione: e se gli animali facessero a noi quello che noi facciamo a loro?





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.