Psiconauta

Chi è Tania Re

Foto a Tania Re con alcune piante psicoattive come il Peyote e l'Ayahuasca

Psicoterapeuta, antropologa, terapista complementare e docente universitaria a Torino e a Firenze, Tania Re è tra le menti più illuminate che abbiamo in Italia nel campo della ricerca sulle sostanze psicoattive. Da sempre interessata a comprendere i sistemi provenienti da antiche tradizioni che connettono mente e corpo, ha realizzato la sua ricerca sul campo in Sud America, nelle comunità indigene, studiando le medicine tradizionali, le piante e i riti di cura.

Del Sud America, tra le altre cose, ricorda la presenza diffusa della spiritualità, unita al contatto e alla cura con la natura, anche nella quotidianità dei mercati: « anche il rapporto con la morte è profondamente diverso da quello vissuto in Occidente: la morte è parte della vita in un continuum tra materia e spirito» dice. «Anche per questo motivo, mi sono interessata alla possibilità offerta da alcune sostanze psicoattive come la psilocibina, un derivato dei funghi messicani presenti anche in Europa, di aiutare le persone ad avvicinarsi al fine vita.»

I funghi psilocibinici, infatti, come anche l’Ayahuasca – un preparato contenente due piante utilizzate nella Foresta Amazzonica – permettono di vedere che cosa ci aspetta dopo la vita materiale togliendo la paura e l’ansia che ne derivano. Gli studi effettuati negli Stati Uniti e in Europa raccontano di esperienze profondamente trasformative per chi muore e per i famigliari che rimangono. Ma le esperienze positive si contano anche nei casi di depressione, dipendenze, alcolismo. «L’esperienza dello stato alterato di coscienza necessita però di una guida – precisa Tania Re. Ecco perché il futuro della terapia per me è la psicoterapia assistita, in cui l’esperienza mediata dalle sostanze psicoattive e la parola del terapeuta agiscono in sinergia per aumentare l’efficacia. Perché dovremmo privarci di simili terapie?». 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button