CBD e militari: in USA è in corso una battaglia di diritti civili per permettere ai militari di usare prodotti contenenti CBD.

A febbraio 2020 infatti il Dipartimento della Difesa tramite il sottosegretario Matthew P. Donovan aveva inviato divieti di consumo di prodotti contenenti CBD per tutti i settori dell’esercito, nonostante questi prodotti siano legali a livello federale dal 2018.

Secondo il memorandum l’uso di prodotti con bassi livelli di THC (il limite per la canapa industriale in USA è lo 0,3%) e alti di CBD rappresenta “un serio rischio per la fattibilità del programma militare di test antidroga“, che non è in grado di distinguere il THC della canapa o di altre forme di cannabis.

Ora il democratico Tulsi Gabbard ha proposto un emendamento ad un disegno di legge sulla spesa per la difesa che consentirebbe ai membri dell’esercito di usare i prodotti a base di CBD e la Camera dei Rappresentati l’ha appena approvato.

“Se diventerà legge, l’emendamento invertirà la dura politica del Dipartimento della Difesa che rende l’uso di prodotti di canapa da parte dei membri del servizio militare un crimine” ha spiegato Jonathan Miller, il consigliere generale del gruppo commerciale U.S. Hemp Roundtable ad High Times. “L’emendamento invaliderà anche le politiche dell’Esercito e dell’Aeronautica che vietano l’uso di prodotti di canapa e le politiche della Marina e del Corpo dei Marines che limitano l’uso dei prodotti”.

“Ogni giorno circa 22 veterani si suicidano in America, che è il 130% in più rispetto al tasso della popolazione generale”, ha spiegato invece David Metzler, veterano della Marina, sottolineando che “i militari attivi dovrebbero avere la possibilità di sfruttare i molti benefici terapeutici del CBD derivato dalla canapa e non devono rischiare la loro carriera o essere penalizzati per farlo. La loro unica opzione”, ha continuato, “è quella di usare oppiacei e farmaci antidepressivi per migliorare la loro salute mentale e fisica, anche se molti di questi farmaci hanno effetti collaterali negativi per il PTSD”.

In America infatti sta prendendo sempre più piede l’uso di cannabis e derivati per trattare il PTSD, il disturbo da stress post traumatico che colpisce molti veterani americani e che trovano sollievo proprio dalla cannabis.

 

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.