carovana della canapa partenza

Il viaggio per l’Italia alla scoperta delle vie della canapa ha compiuto la sua prima settimana: da Carmagnola (TO) a Visone (AL), da Genova a Torino, dalla Val d’Ossola a Orino (VA), per giungere fino alle province di Trento e Bolzano e spingersi all’estremo oriente, a Trieste, dalla quale sta per ripartire per Bologna. Segue un breve report della prima settimana.

PRIMO GIORNO – Domenica 28 giugno 2015
Da Carmagnola (TO) a Visone (AL)
Domenica 28 giugno partiva ufficialmente la Carovana della Canapa: alle 10 del mattino i viaggiatori della canapa si sono dati appuntamento al Museo della Cultura e della Lavorazione della Canapa di Carmagnola, luogo simbolo della canapicoltura piemontese, e lo hanno trovato chiuso.
Da aprile ad ottobre, infatti, il Museo apre il sabato e la domenica dalle 15 alle 18 e, la seconda domenica Assocanapa, la storica associazione che negli anni ’90 ha rilanciato la canapicoltura in Italia, così i carovanieri hanno trovato una porta aperta e ne hanno approfittato per intervistare il presidente Felice Giraudo e la segretaria nazionale Margherita Baravalle.
Nel pomeriggio, un viaggio attraverso il Piemonte alla volta di Visone, nella campagna alessandrina, dove la Carovana era attesa alla Cascina Nelson Mandela della Comunità di San Benedetto al Porto per il Festival della canapa e dell’agricoltura evoluta organizzato dall’Associazione Zenzel.
Un pomeriggio ricco di workshop sugli svariati usi della canapa, dal pane ai mattoni in calce e canapa, tra visite ai campi e cibo colto dall’orto.
Verso sera, un dibattito ricco di ospiti: Felice Giraudo, Presidente di AssoCanapa, Giorgio Ferrero, Assessore Agricoltura Regione Piemonte, Massimo Fiorio, Deputato Commissione Agricoltura, Giuseppe Vitale, medico fitoterapeuta, Tania Re, psicologa, antropologa etnobotanica, Franco Casalone, attivista, scrittore, coltivatore, Cesare Quaglia, agricoltore del direttivo AssoCanapa, Rosa Cerri, artista, presidente di ENDRA, Accademia Mediterranea d’Arte e Cibo, Fabrizio Manca, veterinario, Renato Del Mastro, CNR Imamoter, Dino Barrera, architetto e rural designer, Luciano Riberi, artigiano edile, Calcinia, Giovanni Foresti, attore e attivista del Coordinamento Piemontese Unitario per la Legalizzazione della Canapa. A moderare il dibattito, Francesco Molan. All’imbrunire, lo spettacolo “Canapa Conferenza Tragica” di e con Giovanni Foresti e Paola Omodeo Zorini in notturna, illuminati dalla torcia di Attilio il Fakiro, che ha concluso la serata con la sua arte antica e persa di Mangiafuoco e Sputafuoco sulle note dei Caravan Flamingo.

carovana della canapa carmagnola

SECONDO GIORNO – Lunedì 29 giugno
Da Visone a Genova a Torino
Dopo una notte trascorsa nella pace della Cascina Nelson Mandela, la Carovana riparte per Genova, dove la attende una rapida intervista con la giovanissima Consigliera Comunale Marianna Pederzolli e con Domenico Chionetti della Comunità di San Benedetto al Porto, e subito ritorna a Torino, alle 18, per un’Assemblea pubblica del Coordinamento Piemontese Unitario per la Legalizzazione della Canapa in Cavallerizza attorno alla proposta di legge dell’intergruppo parlamentare per la legalizzazione della canapa. Il tutto, accompagnato dal buffet vegetariano alla canapa proposto dal Coordinamento per finanziare la Carovana.

TERZO GIORNO – Martedì 30 giugno
In Val d’Ossola (VB): Domodossola, Nosere Domodossola, Montecrestese (Ghesc), Crodo, Croveo
Il terzo giorno è dedicato all’incontro con l’Associazione “Canapa Alpina”: cinque comuni, alcuni privati e una scuola agraria della Val d’Ossola che hanno da poco dato vita a coltivazioni di canapa distribuite su un terreno di 7000 mq suddiviso in svariati appezzamenti.
Dopo un pranzo al ristorante vegano Sali&Pistacchi di Domodossola ricco di piatti a base di canapa, i carovanieri hanno seguito Simona Brini, chimica ambientale e coordinatrice dell’Associazione “Canapa Alpina” e Stefano Costa, Sindaco di Baceno e professore all’Istituto Agrario “Silvio Fobelli” di Crodo, alla scoperta delle persone e dei campi coinvolti nel progetto. Dalla Cooperativa Sociale “La Prateria” di Nosere Domodossola ai campi di Croveo delle sorelle Felisatti e Luisa Cappelletti, attraverso i racconti del Professor Silvano Ragozza, storico esperto di canapa, la visita delle coltivazioni degli studenti dell’Istituto Agrario, le antiche storie di scarpe in canapa delle donne di “Canapa Alpina”, la Carovana ha raccolto aneddoti, storie e saperi provenienti da una zona che conosce la canapa da sempre e che la sta riportando alla luce, in montagna come nel centro di piccole cittadine, per farla ritornare nella quotidianità collettiva di queste zone. Qui la pianta cresce con successo fino alle altezze dell’Alpe d’Evro, presso cui si trova, a 1650 metri, il campo più piccolo del progetto “Canapa Alpina”. Tra un campo e l’altro, Simona Brini ci ha portati al borgo di Ghesc (Montecrestese) per incontrare Maurizio Cesprini dell’Associazione Canova, che si occupa di coltivazione e di bioedilizia a base di canapa: in questo antico borgo di montagna, in un piccolo anfiteatro in pietra, Maurizio ci ha raccontato del suo progetto di recupero dell’architettura tradizionale locale attraverso la canapa e dei laboratori internazionali che organizza sulla bioedilizia, in particolare sui termointonaci in canapa.

QUARTO GIORNO – Mercoledì 1° luglio
Lugagnano Val D’Arda (PC)
La prima tappa emiliana della Carovana è dagli amici di CanaPiace, Marino Longo e Bernardino Castellana, che dall’anno scorso coltivano canapa nelle valli dell’Appennino Piacentino, a Lugagnano Val D’Arda, nelle vicinanze di Castell’Arquato.
Dopo una visita con telecamere e cavallo al campo di Prato Ottesola, fitto come una foresta, che per un po’ si è trasformato in un set cinematografico, l’Agriturismo “Prato Verde” ha ospitato un dibattito sulla canapicoltura nel piacentino, lo spettacolo “Canapa conferenza tragica” di e con Giovanni Foresti e Paola Omodeo Zorini e le performance di Attilio, il Fachiro ufficiale della Carovana, accompagnato dalle note del fisarmonicista e compositore Sisto Palombella, autore dell’inno della Carovana, “La Canapacarovana”. Il tutto accompagnato da birra e chisolini alla canapa.

DV carovana canapa

QUINTO GIORNO – Giovedì 2 luglio
Da Lugagnano a Orino (VA) a Milano…
Sulla via del Trentino, un passaggio dalla Lombardia: a Orino (VA) c’è Marco Moscatelli, che coltiva canapa e svolge un’importante operazione culturale nella Pro loco del comune e nel suo growshop “Semimatti”. Prodotti alimentari e cosmetici a base di canapa, materiale informativo su canapa e alcol, prevenzione dell’abuso, attività culturali, laboratori didattici: nel giardino della Pro loco di Orino c’è un piccolo canapaio e, accanto a ciascuna pianta di canapa, una targhetta con il nome del bambino che l’ha seminata.
Dopo un pranzo prelibato a base di canapa offerto dalla Pro loco, occasione per ritrovare l’amico Renato Comolli alias Il Rosso, storico artigiano lombardo costruttore di cilum, i carovanieri partono per Milano, dove li attende una serata al Leoncavallo con cena a base di canapa e l’inaugurazione del Video box della Carovana, che collezionerà lungo tutto il viaggio storie, testimonianze, suggerimenti, denunce, storie e pensieri legati alla canapa nonché le vicende di ordinario, assurdo proibizionismo che costellano la vita degli estimatori della canapa e che la Carovana ha l’obiettivo di raccogliere e diffondere.
Nel corso della serata milanese, il video box ha ospitato anche i messaggi di Daniele Farina, parlamentare SEL dell’intergruppo per la legalizzazione e di Elena Iannuzzi del Leoncavallo.

SESTO GIORNO – Venerdì 3 luglio
In provincia di Trento: da San Lorenzo in Banale a Tione
La Carovana sale in montagna e, tra le Dolomiti, scopre persone giovani, ottimiste e piene di creatività che hanno trovato nella canapa un’occasione per uscire dalla crisi, recuperare tradizioni agricole locali, sviluppare antichi saperi con nuove tecnologie e riportare questa pianta in una zona che la coltivava, ne conosceva gli usi tessili e ora la recupera per trovare nuovi sviluppi in campo alimentare.
A San Lorenzo in Banale Anna Zambanini, giovane assistente sociale, da un paio d’anni ha lasciato il suo lavoro per intraprendere, nel terreno di famiglia, una coltivazione di cereali e piante officinali tra cui la canapa (varietà Futura 75), che da queste parti produce semi di altissima qualità.
A Tione, poche decine di km più in là, il suo amico Lorenzo Zoanetti, ingegnere, grazie alla canapa ha riscoperto e valorizzato il diploma agrario che pensava ormai inutile e, presentandoci il suo campo, spiega quanto sia facile oggi coltivare canapa certificata: non è necessario essere un’azienda agricola, basta avere un pezzetto di terra, comprare semi certificati e denunciare la coltivazione alle forze dell’ordine.

SETTIMO GIORNO – Sabato 4 luglio
Verso l’Alto-Adige: da Tione (TN) a Carezza (BZ)
Dopo una notte trascorsa in montagna, eccoci di nuovo in viaggio per l’Alto-Adige: a Bolzano la Carovana incontra Peter Grünfelder del Cannabis Competence Center, che la conduce tra le Dolomiti alto-atesine presso la baita Tschein Hütte, a due passi dal meraviglioso Lago Carezza.
Qui, l’incontro con Christoph Kirchler di Ecopassion, la società alto-atesina che si occupa della pianta della canapa da tutti i punti di vista e, attraverso il coinvolgimento di piccole imprese locali, a cui ne affida la coltivazione, la lavorazione e la trasformazione secondo antiche tradizioni artigianali e nuove tecnologie, persegue l’obiettivo di creare piccole filiere sostenibili radicate nel territorio per incentivare l’economia locale.

OTTAVO GIORNO – Domenica 5 luglio
Padova
Dalle montagne alto-atesine alla Festa di Radio Sherwood di Padova, dove nasce un dibattito informale ospitato da Overgrow e dal growshop Padovano “Il Giardino di Grace”. La sera, il Video box della Carovana raccoglie testimonianze e punti di vista sulla legalizzazione della canapa.

NONO GIORNO – Lunedì 6 luglio
Trieste
A Trieste la Carovana è accolta da Markab Mattossi di Overgrow e dal bar Il Cappellaio matto, che ospita un buffet a base di farina, semi e olio di canapa preparato dalla pasticceria Novak.
In questa occasione la telecamera raccoglie alcune impressioni sui cibi a base di canapa fra gli avventori del bar. La serata si conclude con una performance di Attilio il Fakiro sui chiodi.

carovana canapa trieste

La Carovana è di nuovo in partenza per l’Emilia: oggi, martedì 7 luglio, alle 16, visiterà civiltà contadina di Bentivogio (BO) e domani, a Bologna, parteciperà ad un incontro di ricercatori che presenteranno recenti studi dedicati alla canapa.

Il viaggio proseguirà verso la Toscana (9-10 luglio), l’Umbria e la Romagna (11), Marche e Abruzzo (12-13), Lazio (14-16), Campania (17-18), Molise (19), Puglia (20-21), Basilicata (22), Calabria (23-25), Sicilia (26-29) e Sardegna (30 luglio-3 agosto).

Il programma definitivo sarà via via aggiornato sul sito www.carovanadellacanapa.org e sulla pagina Facebook della Carovana. Per info e contatti: carovanadellacanapa2015@gmail.com





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.