Img1

Un tatuaggio è un messaggio che vogliamo mandare e che manderemo per tutta la vita, vuoi per rendere un momento eterno, vuoi per rivendicare un’appartenenza. Si dice che i tatuaggi debbano essere dispari, ciò deriva dall’usanza che avevano i marinai un tempo. Un tattoo al momento della partenza per i viaggi difficili, un altro nel porto di approdo ed infine, il terzo, quando si tornava a casa. Per questo i tatuaggi devono essere dispari, perché quando lo sono, significa che si è a casa, e quindi centrati nel proprio posto.

“Oltre il cancello” ci si tatua con metodi non propriamente ortodossi, si usano i motorini dei walkman per muovere su e giù due aghi legati assieme e che vengono intinti nell’inchiostro delle biro.

In passato vi erano alcuni must che i galeotti si facevano tatuare, frasi che rispecchiavano i tempi ed il sentire. Tra le più ricorrenti: “Chi nella donna crede, galera vede” oppure, “Fino all’ultimo respiro chiederò mamma perdono”. Oggi le cose sono cambiate, seppure permanga l’usanza di tatuarsi in carcere, per sublimare in qualche modo la durezza di un’esperienza che, come il tatuaggio, rimarrà impressa su di noi per il resto della nostra vita.

Ho visto tatuaggi di galeotti con errori di ortografia e lettere sgraziate, di dimensione diversa le une dalle altre e se, quando li vedevo da bambino mi facevano paura perché chi li portava apparteneva a ciò che la società aveva ed avrebbe rigettato, oggi mi fanno tenerezza e credo siano la reazione di chi non ha altro modo per difendersi. In un mondo dove la personalità non è quasi più tollerata lo spirito rivendica il proprio diritto ad esistere.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.