L’Argentina ha approvato una legge che rende legale l’uso di cannabis per scopi medici e terapeutici. Dopo il via libera della camera dei deputati del novembre 2015, il senato ha approvato il provvedimento all’unanimità.

La legge autorizza diverse entità statali scientifiche a produrre marijuana per scopi di ricerca, ma continua a vietare la coltivazione individuale. La proposta era stata spinta da organizzazioni civili come “Mama Cultiva”, composte da madri i cui figli hanno bisogno dell’olio per curare le loro malattie, che hanno esultato quando la legge è stata approvata. «Ora abbiamo un quadro giuridico in cui è stato approvato l’uso di cannabis per la ricerca e le cure, nonché la sua produzione a scopo medicinale», ha detto Ana Maria Garcia, presidente dell’organizzazione Cannabis Medical Argentina, sottolineando che: «Finora nel Paese non c’era nulla di tutto ciò».

Lo Zambia ha invece reso legale la coltivazione di cannabis a scopo medico. Il ministro dell’Interno Steven Kampyongo ha infatti firmato un decreto per modificare le legge del Paese che regola le droghe e le sostanze psicotrope. Il ministro ha anche spiegato che sarà necessario ottenere una licenza rilasciata dalle autorità competenti per evitare di incorrere in un reato penale. Sarà il ministero della Salute ad emettere le autorizzazioni che saranno a pagamento.

La legge apre quindi all’autocoltivazione di cannabis per i pazienti senza specificare il numero di piante ma limitandosi a dire che non potrà avere un carattere commerciale. Anche lo Stato avvierà delle coltivazioni con la distribuzione di cannabis tramite le farmacie.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.