cannabisLa Regione Puglia sembra pronta a rompere gli indugi per garantire la cannabis ai propri malati a prezzi accessibili. Lo fa con un disegno di legge che potrebbe approdare in giunta per l’approvazione martedì 22 novembre  e che si intitola “Progetto pilota per la coltivazione, produzione e distribuzione regionale di sostanze di origine vegetale a base di cannabis per finalità terapeutiche”.

Obiettivo della legge è quello di  realizzare uno o più appezzamenti in cui coltivare, fabbricare e confezionare la cannabis necessaria per produrre i farmaci per uso terapeutico da distribuire ai pazienti pugliesi che ne hanno bisogno, garantendo anche un risparmio della spesa da parte del servizio sanitario regionale.

L’uso medico della cannabis e dei suoi componenti – è scritto nel testo che accompagna gli articoli della legge – ha una storia millenaria, condivisa da molte culture nel mondo. Si ritiene ormai opportuno dover assicurare ai pazienti pugliesi che lo necessitino un adeguato impiego clinico dei medicinali a base di cannabis”.

Tutta la filiera, dalla produzione alla distribuzione, dovrebbe essere affidata ad una associazione no profit “di scopo”, cioè creata ad arte, composta da Università, enti con comprovata competenza scientifica e associazioni no profit. La sostanza prodotta dovrebbe poi essere distribuita a un unico centro regionale individuato per la preparazione dei farmaci a base di cannabis al fine di soddisfare il fabbisogno regionale e, nel caso, anche quello di altre Regioni.

Nel corso del 2015 i circa 300 pazienti pugliesi che hanno diritto alla cannabis terapeutica hanno fatto uso di 44 chili di cannabis provenienti da centri autorizzati dell’Olanda. Un consumo in crescita costante. Per rifornirsi, il sistema sanitario regionale (che copre le spese) ha speso diverse centinaia di migliaia di euro.

Una situazione difficile per i malati (spesso alle prese con i ritardi nell’importazione) e per le casse regionali. Per questo la Regione ora punta a mettersi in proprio, migliorando la distribuzione per i malati e segnando anche consistenti risparmi per la sanità pugliese. Una scelta evidentemente provocata anche dai ritardi che stanno colpendo la produzione di stato allestita a Firenze.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.