cannabis terapeuticaAlle lentezza della politica ed alle inadempienze delle amministrazioni regionali e locali siamo ormai abituati, ma quanto sta succedendo nella regione Umbria è tanto più grave perché rappresenta una mancanza a discapito della salute e della qualità di vita dei malati.

10 MESI PER NOMINARE UN COMITATO DI ESPERTI. E’ dal mese di aprile 2014 che il consiglio regionale dell’Umbria ha approvato a grande maggioranza (22 sì e 2 no) la legge regionale sul diritto all’accesso alla cannabis per i malati. Per rendere attuativa la legge era necessario un solo semplice passaggio: la nomina da parte del consiglio regionale di un comitato tecnico-scientifico che, come previsto all’articolo 6 della legge approvata, doveva definire i protocolli attuativi della legge. Ebbene, la giunta regionale guidata dalla presidente Catiuscia Marini (Partito Democratico) non ha ancora provveduto a nomimare il comitato, ed i termini per tale nomina sono scaduti da oltre sei mesi. Un ritardo che si sta ripercuotendo sul diritto alla cura di centinaia di malati, i quali secondo la legge approvata, avrebbero diritto all’erogazione gratuita dei farmaci cannabinoidi nei protocolli dei servizi di cure palliative e terapie del dolore.

OGGI UNA MANIFESTAZIONE DI PROTESTA.
Per protestare contro il ritardo delle istituzioni regionali si terrà oggi una manifestazione di protesta organizzata dai Radicali e dal movimento Alternativa Riformista. La manifestazione comincerà alle 15:30 di fronte alla sede della Giunta Regionale dell’Umbria in corso Vannucci a Perugia. “E’ in gioco la salute e la qualità della vita di persone affette da gravi malattie che non possono permettersi di aspettare per le inefficienze e le inerzie degli organi preposti – afferma il comunicato dei Radicali – In particolare chiediamo che vengano attuate le indicazioni del ministero della Salute sull’impiego e importazione di alcune specialità medicinali come il Sativex o il Bedrocan e simili”.





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.