Terapeutica

Cannabis terapeutica in medicina veterinaria

Cannabis terapeutica in medicina veterinaria

L’utilizzo della cannabis terapeutica per il proprio animale oggi è possibile. Ogni mese che passa sempre più veterinari utilizzano per svariate patologie terapie a base di fitocannabinoidi, il più delle volte in associazione ai trattamenti tradizionali o quando questi ultimi non sortiscono efficacia o gli effetti collaterali sono troppo importanti.

Perché i preparati a base di cannabis hanno effetto anche sugli animali?
Così come nell’uomo, anche in alcune specie animali sono presenti recettori per il sistema endocannabinoide, i più conosciuti sono i recettori CB1 e CB2. Questi, legandosi con molecole presenti prevalentemente nella pianta di Cannabis, i fitocannabionidi, generano degli effetti che in ambito medico possono essere utilizzati positivamente per il trattamento di alcune patologie.

La pianta di Cannabis è principalmente ‘’famosa’’ per un principio attivo, il THC; in realtà contiene migliaia di altri principi attivi che in ambito medico sono particolarmente apprezzati. Tra questi vi è un altro cannabinoide, il CBD o cannabidiolo, ma anche altre molecole come i fenoli, le aldeidi, i flavonoidi e i terpeni come Mircene, Linalolo, Pinene e molti altri. Tutti questi principi attivi concorrono al famoso effetto entourage per cui l’effetto complessivo di tutti queste molecole è maggiore rispetto la somma degli effetti delle singole molecole. C’è ancora tanto da scoprire in merito e ogni mese il mondo scientifico si avvicina sempre più ad una più ampia comprensione di tutti questi meccanismi.

Quali sono le patologie veterinarie maggiormente trattate con i preparati a base di cannabis terapeutica?
La prescrizione della cannabis terapeutica per il proprio animale viene effettuata dal veterinario prevalentemente quanto le terapie tradizionali non hanno un’efficacia terapeutica accettabile o quando gli effetti secondari sono troppo importanti da gestire e da sopportare dall’animale.

Vista la grande ubiquità dei recettori CB1 e CB2 del sistema endocannabionide sono diverse le patologie trattabili e molto differenti l’una dall’altra; ne riporto alcune di quelle più comunemente trattate con questi preparati:
– Dolore (oncologico, neuropatico, cronico)
– Stimolazione dell’appetito;
– Osteoartrosi;
– Epilessia;
– Sintomatologia correlata al quadro oncologico;
– Disturbi comportamentali (ansia, stress).

Le terapie a base di cannabis terapeutica non sono da considerarsi la panacea di tutti i mali, ed è sempre e solo competenza del veterinario proporre e quindi prescrivere questo tipi di preparati.

Quali sono i preparati a base di cannabis più comunemente prescritti in ambito veterinario?
I preparati a base di Cannabis terapeutica utilizzati in campo veterinario sono oleoliti estratti dalle infiorescenze o capsule ad uso orale.

Il veterinario sceglie l’infiorescenza di cannabis più adatta tra quelle disponibili in commercio come Bedrocan, Bediol, Bedica, Bedrolite, FM2, Aurora alto THC. Ogni estratto oleoso verrà fornito con un contagocce così da somministrare la dose prescritta in gocce.

Il veterinario tende sempre a iniziare con il minimo quantitativo di gocce per aumentare gradualmente in relazione al peso dell’animale, individuando mediante la clinica o dosaggi di riferimento, la dose con cui l’animale proseguirà la terapia.

La cannabis terapeutica per il proprio animale ad oggi è una realtà, ma sottolineo che sarà sempre il medico, in questo caso il veterinario, a decidere se e quale preparato a base di fitocannabinoidi somministrare al paziente.

Matteo Mantovani – Project manager presso Farmacia San Carlo e consulente Teraphi





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.