Secondo un nuovo studio israeliano, recentemente pubblicato sul Rambam Maimonides Medical Journal, i pazienti con diagnosi di ADHD potrebbero essere in grado di sostituire i trattamenti farmaceutici che creano dipendenza, con la cannabis terapeutica.

I ricercatori hanno identificato 59 adulti a cui è stato diagnosticato l’ADHD, ovvero il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività, e sono stati anche iscritti al programma israeliano di cannabis medica. È stato loro chiesto di auto-segnalare il proprio uso di cannabis medica, i sintomi dell’ADHD, i livelli di ansia e la qualità del sonno utilizzando questionari psicologici standard.

I pazienti sono stati divisi in due gruppi in base al loro consumo di cannabis, trentacinque sono stati considerati un gruppo “ad alto dosaggio”, che utilizzavano cannabis medica da quattro a 12 volte al giorno e consumavano da 40 a 70 grammi di cannabis al mese. Il gruppo “a basso dosaggio” consumava cannabis in media tre volte al giorno, o da 20 a 30 grammi al mese.

La metà dei soggetti è stata in grado di fornire il nome esatto della varietà specifica di cannabis medica che stavano utilizzando e questi dati hanno permesso ai ricercatori di esplorare quali composti di cannabis erano più efficaci nel fornire il trattamento dell’ADHD. I ricercatori hanno scoperto che i pazienti nel gruppo ad alto dosaggio consumavano più THC, THCV, CBD e un terpene noto come trans β farnesene rispetto al gruppo a basso dosaggio.

I ricercatori hanno scoperto che “il consumo di dosi più elevate di cannabis terapeutica è associato alla riduzione dei farmaci per l’ADHD”. Nel complesso, i soggetti nel gruppo ad alto dosaggio “hanno riportato una maggiore incidenza di interruzione di tutti i farmaci per l’ADHD”.

I pazienti con ADHD sono tradizionalmente trattati con farmaci psicostimolanti, incluso il Ritalin e altri derivati ​​delle anfetamine. Oltre a creare assuefazione, questi farmaci possono causare molti effetti collaterali negativi, tra cui insonnia, ansia, ipertensione, nausea, mal di testa e disfunzione erettile. Al contrario, i trattamenti a base di cannabis medica sono raramente associati a effetti avversi, aumentando la possibilità di un trattamento più sicuro a base di cannabis per questo disturbo comune.

Questo studio supporta anche ricerche precedenti, le quali suggeriscono che la cannabis medica può aiutare i pazienti che soffrono di dolore cronico o altre condizioni, a ridurre il loro utilizzo di oppioidi, benzodiazepine o altri farmaci che creano dipendenza.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.