Pizzarotti firma cannabisLa notizia è stata pubblicata ieri in mattinata, sul sito internet di una agenzia di stampa solitamente ritenuta una fonte attendibile e di qualità: l’Aduc.

A Parma il sindaco Pizzarotti, in collaborazione con Prefettura, Dpa e ministeri vari ha destinato un’area della città alla produzione di cannabis e dato il permesso all’apertura di un Cannabis Social Club, accessibile a tutti i residenti in provincia, che conta già tremila iscritti e che ieri, in occasione dell’inaugurazione, ha regalato un grammo di cannabis a tutti gli iscritti. La “notizia” per sommi capi è questa (a questo link si può leggere integralmente).

Inutile dire che su internet si è scatenato un mezzo putiferio. Anche perché è stata riportata da siti molto influenti come “Tze Tze” e “Libero.it“.

Malati speranzosi di avere finalmente accesso alla cura, ragazzini esultanti che condividevano su Facebook, eccetera.

Poi alle ore 23 la doccia fredda. Dalle pagine del Canapaio Ducale (growshop cittadino, a quanto pare mente di tutta l’operazione) e sullo stesso articolo pubblicato dall’Aduc esce un nuovo comunicato (aggiunto in testa all’articolo originale) intitolato “Cannabis legale a Parma: la città che vorremmo e l’Italia del futuro”, nel quale si specifica che: «La firma del Sindaco di Parma Federico Pizzarotti a supporto della legge di iniziativa popolare per la legalizzazione, ha reso così facile per tutti noi immaginare questo futuro per Parma e tutta l’Italia. Ringraziamo ADUC per avere immaginato insieme a noi, attivisti antiproibizionisti parmigiani, questa stupefacente possibilità».

È stato tutto uno scherzo quindi, a quale scopo e per il divertimento di chi francamente ci sfugge. E il fatto che a questo giochetto si sia prestata l’Aduc – che è un’associazione per i diritti dei consumatori nonché un sito di notizie utilizzato da tanti per trovare news verificate – aggiunge gravità alla cosa.

Qualcuno potrà ribattere a questa nostra presa di posizione accusandoci di scarso senso dell’umorismo. Può essere sia così. Ma di certo di senso dell’umorismo ne è rimasto poco anche ai malati, ai tanti ragazzi in carcere per due piantine in terrazzo, a chi ogni giorno deve nascondersi come un criminale per il grammo di fumo che ha in tasca.

È innanzitutto per loro che ogni giorno, tra tante difficoltà, cerchiamo di fornire notizie vere e accurate, e lo stesso crediamo dovrebbero fare tutte le altre testate, pagine Facebook e associazioni che lottano per abbattere il proibizionismo. C’è poco da ridere.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.