Non c’è pace per la cannabis medica in Italia (ci sarà mai?) Anche se ancora non ci sono fatti concreti, “l’aria che tira” e le “voci di corridoio” non fanno presagire nulla di buono.

Attualmente la situazione è quella che ormai tutti (o quasi) dovremmo conoscere:
• Autorizzati nel corso del 2018 massimo 550 Kg di cannabis medica (prodotta in Italia ed importata)

• 100 Kg importati dal Canada (già tutti richiesti e in fase di consegna allo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze)

• 250 Kg chiesti all’Olanda, la quale, per evitare di esaurire tutte le richieste nei primi mesi del 2018, ha adottato il seguente stratagemma: dilazionare i 250 Kg nel corso dei 12 mesi, ossia fornendo all’Italia (quindi tra farmacie, distributori, AUSL, Ospedali, ecc…) 20,8 Kg/mese. Risultato? Carenza cronica.

• Produzione di cannabis italiana impostata a massimo 200 Kg/anno, ma che realisticamente sarà (stando a dichiarazioni dallo SCFM) 150 Kg/anno.

Risultato?
La terapia oggi c’è, domani no. Dopodomani sì, poi dopodomani di nuovo no. E così via. Attualmente a metà aprile è arrivata la varietà canadese Pedanios 22/1 (22% THC e <1% CBD) che sta permettendo di tamponare alcune carenze, ma se non verrà adottata una nuova strategia a livello ministeriale, cosa succederà quando verrà meno la “scorta” canadese?

Da questa situazione va aggiunto che:
• Qualcuno ha cercato di impedire la consegna via corriere adducendo le più svariate motivazioni. Quindi non solo non è consentito dire che una Farmacia prepara cannabis medica, non solo non si può dire dove trovare cannabis medica, ma il paziente (malato e invalidato) dovrebbe anche farsi 400 Km per andare a prendersi il farmaco in quella rara farmacia che la prepara e che ne ha disponibile. Fortunatamente, i “pareri personali” non contano e la legge consente la consegna a domicilio mediante corriere.

• È in arrivo un aggiornamento (da tempo annunciato) del DM 9/11/15. Anche se non si sa esattamente cosa e come verrà aggiornato, i presagi sono tutt’altro che positivi, lasciando intendere un giro di vite sulle preparazioni galeniche a base di cannabis medica. Speriamo di sbagliare.

• Emerge sempre più una “caccia alle streghe” di chi parla di cannabis medica attraverso i vari canali informativi (es. Internet) adducendo motivazioni varie, dalla pubblicità a sostanze stupefacenti (anche se si tratta di canapa industriale) a induzione al consumo di sostanze stupefacenti.

E tutto, sempre, mentre i malati restano tali. E aspettano…





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.