Terapeutica

La cannabis può essere efficace nel Parkinson?

I medici di Clinn, in collaborazione con Cannabisterapeutica.info, rispondono alle domande dei pazienti 

Un malato di Parkinson tiene in mano delle cime di cannabis

Il Morbo di Parkinson è la seconda malattia neurodegenerativa ad andamento progressivo più diffusa nella popolazione anziana, colpisce circa il 10% della popolazione sopra gli 80 anni. Esistono delle forme di Parkinson giovanile, con esordio sopra i 40 anni, ma sono molto rare. Le cause sono tuttora sconosciute, possono essere sia genetiche sia ambientali.

Una caratteristica fisiopatologica di questa patologia è l’accumulo anomalo di una proteina conosciuta come Sinucleina nei Corpi di Lewy, che si depositano nel sistema nigrostriatale. Il danno a carico dei neuroni di questa ed altre aree del sistema nervoso porta a una diminuzione dei livelli di Dopamina, che determina molti dei sintomi motori caratteristici del Parkinson.

DIAGNOSI, SINTOMI E TRATTAMENTI

La diagnosi è clinica e si basa sul riscontro di sintomi tipici, di cui i più comuni sono: tremore a riposo, rigidità, lentezza e diminuzione dei movimenti (bradicinesia) e instabilità della postura e/o dell’andatura. I trattamenti odierni mirano a ripristinare la funzione dopaminergica, come la Levodopa.

Nella mia esperienza clinica quando viene introdotta una terapia con cannabis terapeutica uno dei primi riscontri dei pazienti o dei caregiver è un miglioramento della rigidità muscolare e dei tremori. Alcuni riprendono a camminare per brevi distanze, altri tornano a “tenere in mano le posate”. Riferiscono inoltre buoni risultati sul tono dell’umore e sul riposo notturno.

I cannabinoidi si rivelano utili anche nella gestione degli effetti collaterali della Levodopa, come nausea, vomito e discinesie.

La scelta delle percentuali di THC e CBD è differente da paziente a paziente: in alcuni casi si ottengono risultati migliori con percentuali equilibrate di entrambi (rapporto 1:1), altre con percentuali più elevate o di THC o di CBD.

Questi riscontri rendono la cannabis terapeutica un elemento molto interessante nel trattamento del M. di Parkinson e dei Parkinsonismi atipici, meritevole di ulteriori ricerche e studi del suo utilizzo anche in questo ambito.

Dottoressa Valentina Florean
Referente per il monitoraggio clinico di
 Clinn



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio