Terapeutica

Cannabis medica e obesità

La somministrazione del cannabidiolo (CBD), uno dei componenti della cannabis, può essere potenzialmente terapeutica nel trattamento delle complicanze legate all’obesità. È la conclusione a cui sono giunti i ricercatori polacchi nello studio pubblicato nella sezione Phytochmicals and Human Health del Multidisciplinary Digital Publishing Institute.

Gli scienziati ricostruiscono la situazione degli ultimi anni, che hanno visto il drastico aumento del consumo degli acidi grassi nella popolazione, «superando le esigenze nutrizionali di un individuo e portando a numerosi disturbi metabolici». Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’obesità rappresenta uno dei problemi di salute più importanti del XXI° secolo e può essere causata da vari fattori, tra cui sovralimentazione, vita sedentaria e fattori ambientali e genetici. L’obesità può portare a complicanze quali iperglicemia, iperinsulinemia e dislipidemia, causate dalla quantità eccessiva di lipidi che si deposita in tessuti non adiposi. Queste complicanze risultano correlate allo sviluppo della resistenza all’insulina.

Tra i componenti della cannabis, quello a cui sono maggiormente rivolte le ricerche è il CBD, sia per la mancanza di effetti psicoattivi, che per le numerose proprietà terapeutiche riconosciute. Tra queste, potrebbero esserci anche le proprietà anti-obesità. Anche alcuni studi recenti avevano indicato l’uso del CBD come potenziale agente con effetti benefici nel trattamento dell’obesità. Partendo da queste convinzioni, i ricercatori hanno deciso di studiare gli effetti della somministrazione cronica del CBD su ratti alimentati con una dieta ricca di grassi o con una dieta standard. La dieta è stata somministrata per sette settimane e successivamente i ratti sono stati iniettati con 10 mg/kg di CBD una volta al giorno per due settimane o con un placebo.

La ricerca ha dimostrato che la dieta ricca di grassi ha influenzato «la composizione degli acidi grassi nei muscoli scheletrici bianchi e rossi e ha contribuito allo sviluppo dello stress ossidativo e dell’infiammazione locale». Lo studio ha valutato l’effetto del CBD e i dati hanno mostrato il miglioramento delle condizioni dei ratti affetti da obesità: il cannabidiolo, infatti, in due settimane «ha ridotto efficacemente l’accumulo di acidi grassi nei pool lipidici muscolari». In generale, spiegano i ricercatori, «le nostre osservazioni sottolineano l’idea che la somministrazione cronica di CBD possa avere un grande potenziale terapeutico nel trattamento delle complicanze associate all’obesità alleviando l’infiammazione e i relativi mediatori lipidici, nonché lo stress ossidativo, che coincide con la resistenza all’insulina nell’obesità».

a cura di Clinn
www.clinn.it





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.