Terapeutica

La cannabis medica è ben tollerata dagli anziani?

Anziani a passeggio

Sì, la cannabis medicale (CM) è ben tollerata nelle persone anziane, talvolta anche meglio che nei pazienti più giovani. In ambulatorio arrivano spesso pazienti con un’età superiore ai 75 anni, da soli o con i loro caregiver, a cui viene proposta la CM ad esempio per la presenza di dolori cronici o in caso di malattie neurodegenerative in cui può essere utile un aiuto per gestire il paziente ormai non più lucido ed autonomo.

CANNABIS MEDICA E PERSONE ANZIANE: L’INTERAZIONE CON ALTRI FARMACI

Gli aspetti più importanti da considerare quando si deve impostare la terapia con CM in questi casi sono: l’interazione con altri farmaci e la quantità di THC e CBD più appropriata per il singolo paziente. 

È molto probabile che il paziente assuma farmaci per la pressione, per il cuore, per il diabete, per il dolore, per dormire o per controllare l’agitazione psicomotoria e farmaci specifici per il Parkinson o l’Alzheimer. La CM si può affiancare a tutte queste terapie valutando di programmare la somministrazione ad almeno un’ora di distanza soprattutto dai farmaci con azione sul sistema nervoso e sulla coagulazione del sangue (anticoagulanti vecchi e nuovi).

IL THC, IL CBD E LA DOSE MASSIMA TOLLERATA

L’utilizzo del THC non deve spaventare perché è molto utile nel caso di dolori muscolari e neuropatici, di tremori e rigidità, di turbe dell’umore e del sonno. La dose massima tollerata è diversa per ognuno e si comprende nel corso della terapia, che quindi deve essere strettamente monitorata, soprattutto nei primi tempi. Il CBD per contro è utilizzato per i suoi ruoli di antinfiammatorioantipsicotico e inibitore degli effetti psicotropi del THC.

Un aspetto da non sottovalutare e che spesso è problema comune negli anziani a prescindere dalle diverse condizioni patologiche è la stipsi. Nella maggior parte dei casi, i pazienti riportano un miglioramento della stipsi in seguito alla terapia con CM.

Nei casi in cui la CM non sia ben tollerata vengono frequentemente riferiti questi effetti: una maggior agitazione psicomotoria, eccessiva sonnolenza, bocca impastata, insonnia, inefficace controllo sui dolori.

Dottoressa Valentina Florean
Referente per il monitoraggio clinico di Clinn
Fonte: cannabisterapeutica.info

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button