uno dei due negozi di cannabis light di Macerata finiti al centro delle indagini

Il gestore di due cannabis shop di Macerata è stato condannato a 4 mesi per la vendita di cannabis con concentrazioni di THC leggermente superiori alla norma. La canapa era stata sequestrata durante i controlli a tappeto ordinati dal questore Antonio Pignataro, che durante l’autunno scorso aveva ordinato controlli in tutti i rivenditori del territorio. All’esame delle infiorescenze, disposto dal Pubblico ministero Margherita Brunelli, queste avevano rivelato concentrazioni di THC comprese tra 0,5% e 0,7%, leggermente superiori al limite di 0,5%.

Per questo il PM aveva richiesto una condanna di 18 mesi per il titolare dei negozi, Lorenzo Castignani. Il giudice ha accolto la linea dell’accusa, sostenendo come sopra lo 0,5% la canapa sia classificata come sostanza drogante, ma ha optato per una pena di quattro mesi considerando la tenuità del fatto.

La condanna, seppur mite, non soddisfa l’avvocato Carlo Alberto Zaina che ha annunciato il ricorso. «Faremo appello – ha dichiarato l’avvocato che insieme al collega Renato Codiglia assiste Castignani – in quanto il giudice ha emesso un verdetto che rispettiamo ma non condividiamo. Seppur la pena sia addirittura inferiore ai limiti di legge riteniamo che non sia stata valutata la buona fede dell’imputato perché non poteva sapere che la cannabis light acquistata dai produttori era accompagnata da una certificazione sbagliata. Di fatto Castignani è stato condannato per responsabilità non sue».

Inoltre, per la difesa non è stato possibile richiedere una seconda analisi di verifica sulla cannabis light sequestrata in quanto la polizia, dopo le analisi effettuate su ordine del PM, ha ben pensato di distruggere la merce sequestrata. «Già altre volte – spiega Zaina – in passato è capitato che le analisi predisposte dal giudice dessero risultati differenti rispetto a quelle presentate in prima battuta». Una ragione in più per sperare che il secondo grado di giudizio possa stabilire l’assoluzione.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.