Il successo della commercializzazione di Cannabis light ha dimostrato l’esistenza di un elevato numero di estimatori di queste infiorescenze. Hanno stupito tutti, i “record di vendita” ottenuti da un prodotto di scarso interesse per quelli che sono i cultori della cannabis a scopo ludico.

La vendita di infiorescenze senza THC, paragonabili alla birra analcolica, ha fatto registrare un giro d’affari che sembra aver già superato i 3 MLN di €uro, in meno di 1 anno. Milioni di italiani hanno scelto di acquistare cannabis con contenuto di THC inferiore allo 0,6%; creando di fatto un nuovo mercato.

Centinaia di agricoltori, colpiti dal successo di questi prodotti e attratti dal potenziale guadagno, stanno già coltivando canapa. Gli imprenditori agricoli più furbi stanno stipulando contratti con grower professionisti che si occuperanno delle coltivazioni, in modo da essere certi di ottenere buone infiorescenze.

Il sogno di guadagnare legalmente coltivando cannabis in Italia, si sta avverando. In attesa che venga legalizzata tutta la cannabis, abbiamo il modo di sperimentare diverse genetiche da far crescere e fiorire al meglio. Il mercato delle infiorescenze di canapa industriale è in espansione, e probabilmente tutto il prodotto made in Italy del 2018, verrà venduto. Ci saranno aziende che acquisteranno anche le infiorescenze più brutte, per produrre estratti (CBD e Terpeni).

Sembra effettivamente l’inizio della “legalizzazione”: la “Cannabis light” si vende nei growshop e, a breve, anche al bar e nei tabacchini. Dall’aspetto e dall’aroma è praticamente identici alla “Cannabis High”. Quanto tempo potrà passare ancora senza regolamentare entrambe, essendo esse indistinguibili ad occhio nudo?

Il sistema proibizionista ha però risposto dando un’altra interpretazione alle norme: le FF.OO. affermano che, essendo non trattate dalla legge n.242/16, le infiorescenze vengono normate dalla legge n.309/90, e quindi sono da considerarsi a tutti gli effetti sostanza stupefacente. Il THC contenuto in tali infiorescenze è sotto lo 0,6%, ma è comunque presente. Hanno così iniziato a denunciare per “detenzione illecita e traffico di stupefacente” alcuni commercianti che vendono cannabis light. Praticamente un tentativo di scoraggiare i rivenditori.
Non viene apparentemente contestata la provenienza del prodotto, nè la varietà. Abbiamo già vissuto l’esperienza quando, ad essere incriminati, sono stati i rivenditori di semi di cannabis da “collezione” (tutti assolti).
A breve si formeranno class action di produttori e rivenditori, e saranno i giudici ad avere l’ultima parola.

La percezione sociale del consumo di cannabis sta lentamente passando dal “drogarsi”, al fare uso di una sostanza comunque meno tossica del tabacco. Questo potrebbe portare molti estimatori, che solitamente non vanno oltre il commentare sui social, a schierarsi per ottenere una rapida regolamentazione.

Peccato che, anche tra gli antiproibizionisti, c’è chi esulta per i sequestri di Cannabis light. Qualcuno pensa che, legalizzando la cannabis light, quella con elevato contenuto di THC non verrà mai resa legale. L’accettazione della cannabis con basso contenuto di THC è un traguardo inimmaginabile sino a qualche anno fa. Se ti trovavano con qualcosa che aveva la forma e l’odore di cannabis, eri nei guai.
Oggi bellissime infiorescenze vengono vendute nei negozi. Forse, già da quest’anno, si potrà coltivare qualche pianta di canapa a basso contenuto di THC in casa. Sarà sempre “canapone” ma, crescendo sui balconi e nei giardini come pianta ornamentale, farà meno paura agli ignoranti.

Non siate proibizionisti del senza THC, e non siate neppure proibizionisti dell’oltre 0,6%. Siate sempre Antiproibizionisti!

Cbweed Blueberry CBD





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.