High times

Con la cannabis legale calano i consumi di alcol e sigarette

Un nuovo studio dimostra che la legalizzazione della maria corrisponde ad un minor uso di alcol, oppiacei e nicotina

Una coppia di ragazzi, invece di bere, si fuma una pipetta di erba
drug using teens at house party.

Il Journal of Adolescent Health ha pubblicato pochi giorni fa uno studio per valutare le tendenze nell’uso di alcol, sigarette e oppiacei tra i giovani adulti nello Stato di Washington, dopo la legalizzazione della cannabis per uso adulto. Lo studio indica che la legalizzazione della cannabis ad uso ricreativo coincide con una diminuzione del consumo di alcol e sigarette e l’uso improprio di antidolorifici.

Alla voce risultati, leggiamo: “La prevalenza dell’uso di alcol negli ultimi mesi, il consumo episodico pesante e l’uso di sigarette e la prevalenza dell’uso improprio di analgesici nell’ultimo anno sono diminuite, mentre la prevalenza dell’uso di sigarette elettroniche negli ultimi mesi è aumentata dal 2016 (il primo anno valutato).

Negli anni e nei gruppi di età, la prevalenza dell’uso di sostanze diverse dalla cannabis era maggiore tra i consumatori occasionali e frequenti di cannabis rispetto ai non consumatori di cannabis. Tuttavia, l’associazione tra uso occasionale (1-19 giorni nel mese precedente) e frequente (20+ giorni) di cannabis e uso improprio di analgesici e tra uso frequente di cannabis e uso di alcol episodico pesante sono diminuite nel tempo tra gli individui di età compresa tra 21 e 25 anni”.

Commentando i risultati dello studio, il vicedirettore di NORML, Paul Armentano, ha dichiarato: “I dati del mondo reale provenienti dalla legalizzazione contestano le affermazioni di lunga data secondo cui la cannabis è una sorta di sostanza “di passaggio”. Infatti, in molti casi, la regolamentazione della cannabis è associata al ridotto uso di altre sostanze, inclusi molti farmaci da prescrizione”.

DIFFERENZA TRA CANNABIS E ALCOL: UNO È LEGALE, L’ALTRA NO

Quando si mettono a confronto l’alcol e la marijuana è utile ricordare che tra le due sostanze psicotrope corrono alcune differenze fondamentali: l’alcol non ha alcuna proprietà terapeutica ed è legale, mentre la cannabis ce l’ha, ma il suo uso a scopi ricreativi, in Italia e in moltissimi Paesi del mondo, rimane illegale.

Non solo: secondo un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità 3,3 milioni di morti all’anno nel mondo sono direttamente o indirettamente legate all’alcol. In Italia uccide più di 40mila persone l’anno (435mila morti in 10 anni secondo i dati dell’Osservatorio permanente Eurispes-Enpam). Quante sono legate all’assunzione di cannabis? Non ne risultano. In altre parole, nel mondo, non è mai stato associata alcuna morte dovuta direttamente o indirettamente al consumo di maria.

Ricapitolando: legalizzare l’erba sarebbe auspicabile per tante buone ragioni, un’altra da annoverare fra queste solo perché è che rendere legale questa pianta potrebbe contribuire a combattere la piaga dell’alcol, quella degli oppiacei ed altre dipendenze, quelle sì, indubbiamente dannose per la salute!

Articolo a cura di Veronica Tarozzi

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button