I dati ufficiali sono stati pubblicati da poco e parlano chiaro: un anno di cannabis legale in Massachusetts ha fruttato 61 milioni di dollari di tasse su 400 milioni di dollari totali di vendite. Ed è solo l’inizio.

I dati del Department of Revenue e della Cannabis Control Commission mostrano l’impatto finanziario delle vendite di cannabis ricreativa, che sono iniziate in due dispensari nel Massachusetts centrale e occidentale il 20 novembre 2018.
Da allora sono 33 i dispensari che hanno aperto in 32 città, generando 393,7 milioni di dollari vendite totali. Nell’anno fiscale 2019 e fino ad ottobre nell’anno fiscale 2020, tali vendite hanno generato 19 milioni di dollari in imposte sulle vendite, 32,8 milioni di dollari in accise statali e 9,1 milioni di dollari in imposte locali.

Il presidente della Commissione per il controllo della cannabis Steven Hoffman ha dichiarato che il lavoro è appena iniziato. “Sono orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato e sono contento di come il lancio sia andato a buon fine, ma siamo nelle prime fasi e abbiamo ancora molto lavoro da fare”, ha detto.

I 5 punti sui quali punta la commissione per il futuro sono le concessioni per l’apertura di nuovi dispensari, portare le banche ad offrire più servizi alle aziende del mercato, affrontare la questione della giustizia sociale, con lo sviluppo di “un programma di equità sociale per offrire assistenza a coloro che sono stati danneggiati in modo sproporzionato dalla guerra alla droga, affrontare il tema delle città che non vogliono attività commerciali connesse alla cannabis, e infine aumentare il coinvolgimento della comunità medica, perché, secondo Hofmann, “Stiamo perdendo un’opportunità per migliorare sostanzialmente la vita dei pazienti in tutto lo stato”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.