In Inghilterra, Galles e Scozia a partire dal primo novembre i medici hanno avuto l’autorizzazione di prescrivere cannabis terapeutica ai propri pazienti. L’annuncio arriva direttamente dal ministro dell’Interno, Sajid Javid, dopo che le storie di alcuni bimbi affetti da epilessia resistente ai farmaci tradizionali avevano trovato diversi benefici nel trattare la propria patologia con derivati dalla cannabis.

A luglio era stato proprio il ministro dell’Interno a varare una commissione medica che potesse vagliare le prove scientifiche a disposizione e decidere in tal senso. Definendo le nuove norme sui prodotti a base di cannabis per uso medicinale, Javid ha dichiarato: «Questo porta questi prodotti esplicitamente nel quadro delle medicine esistenti». Ora L’ACMD (il Consiglio consultivo sull’abuso di droghe) condurrà una revisione a lungo termine della cannabis e l’Istituto nazionale per la sanità e l’eccellenza (Nice) è stato incaricato di fornire consulenza ai medici entro l’ottobre del prossimo anno.

Tutto ha avuto inizio quando al 12enne Billy Caldwell era stato sequestrato il proprio farmaco a base di cannabis dai funzionari della dogana all’aeroporto di Londra Heathrow. La madre di Billy, Charlotte Caldwell, aveva chiesto la restituzione del farmaco perché senza di esso suo figlio soffriva di convulsioni e temeva per la vita del piccolo. 
Le prime dichiarazioni sono arrivate dalla mamma di un altro bimbo epilettico, Hannah Deacon: «Ho visto personalmente com’è cambiata la vita di mio figlio a causa della cannabis medica che ora viene prescritta. Come famiglia eravamo di fronte alla sua morte. Ora stiamo affrontando la sua vita, piena di gioia e di speranza, che è qualcosa che desidero per ogni persona in questo paese che possa beneficiare di questa medicina».





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.