Il 2021 inizia come il precedente. Ho recuperato i desideri di fine 2019 (più disponibilità di cannabis, rimborsi uniformi nelle varie Regioni, maggiori varietà di cannabis medica, accesso legale all’informazione) e sapete quanti se ne sono avverati?
Zero.

Ma non demoralizziamoci, riproponiamoli anche per il 2021, prima o poi…

Ci sono però cose positive per dire “qualcosa si muove” nel panorama cannabis terapeutica? Anche piccole?
Sì, e sono tutte avvenute in dicembre:
1. L’Onu (ormai lo sanno anche i sassi) ha riclassificato la cannabis come sostanza stupefacente dotata di effetti terapeutici e non più come droga d’abuso. Nonostante in molti ci vogliano leggere legalizzazioni o autoproduzione, io resto sempre pragmatico e coi piedi per terra: viene riconosciuto il valore terapeutico della pianta, esattamente come avviene per, ad esempio, l’oppio. Questo apre e facilita la strada al suo uso terapeutico, ma non aggiunge nulla di nuovo.

2. A quanto è dato sapere, sono stati aumentati (“raddoppiati”) i fondi per la cannabis terapeutica nel senso che sono stati stanziati 3,6 milioni di euro per lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, per la coltivazione di cannabis terapeutica. Ce n’era bisogno? Ditelo voi: per il 2020 il fabbisogno calcolato secondo l’Onu per l’Italia era di 1980 Kg, calcoli ancora non ufficiali parlano di una produzione italiana sui 150 Kg. Io dico proprio di sì. Inoltre sono stati stanziati 700mila euro per l’importazione di infiorescenze tramite bandi. Se posso, a quanto mi risulta, nel corso del 2020 non sono stati importati dal Canada tutti i kg disponibili tramite bando (160 Kg almeno), semplicemente perché non ordinati.

3. Se nel 2020, la richiesta di importazione di infiorescenze dall’Olanda è stata di 750 Kg, nel 2020 il tetto di importazione è stato innalzato a 1000 Kg. È poco, ma meglio di niente.

Sul punto 3 vale la pena aggiungere che da novembre 2020 non arriva più cannabis dall’Olanda per raggiungimento della quota dei 750Kg e le prossime forniture non si vedranno fino a febbraio 2021. Scarseggiano varietà come il Bediol e Bedica principalmente, ma a gennaio (complici le festività, chiusure e rinnovo permessi di importazione) si aggiungeranno quasi sicuramente FM2 e Bedrocan.

Insomma, la stessa cosa successa a fine 2019, 2018 e 2017 (in misura più o meno grave).

Cambierà prima o poi? Sì, per forza. DEVE cambiare.

Fonte: cannabisterapeutica.info





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.