Terapeutica

Cannabis e pazienti: stessa storia e un estratto

Come accade da lungo periodo, l’inizio dell’anno è sempre problematico per la dispensazione di cannabis. Ecco l’analisi del dottor Ternelli

cannabis terapeutica in mano ad un medico

Nello scrivere questo articolo, la tentazione di copiare e incollare quello di inizio 2021 è stata forte. Perché ogni volta è la stessa storia. Manca cannabis e lo Stato non fa nulla per risolvere la situazione.

Senza scadere in populismi, la soluzione nel brevissimo termine sarebbe semplicissima: un bando di importazione per almeno 1000 Kg (1 tonnellata). Avremmo risolto la carenza.

Invece che succede a metà dicembre 2021? Che il Ministero della Difesa insieme a quello della Salute, per la situazione di “emergenza” e per velocizzare i tempi, emanano una gara di assegnazione diretta (al posto di un bando) per 210.000 euro, ossia poco meno di 100 Kg di infiorescenze. La rabbia che sale a leggere queste decisioni è giustificata dal fatto che:

  • viene definito “di emergenza” per sopperire velocemente alla carenza. Peccato che per il tempismo, le burocrazie, i tempi tecnici, la cannabis sarà disponibile in farmacia per fine marzo 2021 (se tutto andrà bene);
  • fine marzo 2021 è stato lo stesso tempo di fornitura della cannabis nel bando precedete del 2019, anche se non era “di emergenza”;
  • è talmente di emergenza per la carenza che ne richiedono l’importazione di 100 Kg. Cento chili.

Come dite? Che fine hanno fatto i bandi per la coltivazione di cannabis medica in Italia annunciati lo scorso ottobre? Nulla ancora, sono solo passati 5 mesi da allora.

Come dite? I bandi per i 700 Kg in 2 anni? Nulla ancora, ora c’è la gara di assegnazione di emergenza per ben 100 Kg; una cosa alla volta, suvvia.

CARENZA DI CANNABIS E INTERROGAZIONI

Per dare idea della situazione, in Emilia Romagna è stata presentata una interrogazione sulle segnalazioni di carenza di cannabis medica. Risposta? Non risultano carenze.
Lascio al lettore e ai pazienti le considerazioni.

A livello nazionale, invece, è stata depositata una interrogazione parlamentare sulle dichiarazioni riguardo gli strabilianti 600 Kg/anno prodotti dal Farmaceutico Militare di Firenze, quando i dati ufficiali dicono cose diverse. Risposta: nessuna per ora.

Una novità però c’è nel mondo della cannabis medica galenica: l’estratto di cannabis Farmalabor, ossia un estratto concentrato al 15% di THC, pronto, preparato in Spagna; il farmacista galenista deve diluire questo estratto per ottenere gli oli di cannabis medicinale come Bedrocan/Pedanios o, aggiungendo cristalli di CBD, al Bediol/FM2.

Può essere una soluzione al problema della carenza? Ni.

È infatti un prodotto che si rivolge solo a coloro che necessitano di olio di cannabis e non di altre forme farmaceutiche. È standardizzato con le stesse varietà e, come sanno i pazienti che hanno sperimentato, a parità di THC una varietà può essere efficace o meno a seconda della risposta individuale.

Il vero limite è il prezzo: mentre il prezzo di un olio simile al Bediol/FM2 è accessibile (sotto i 100€), un olio analogo all’olio di Bedrocan/Pedanios 22 ha un costo quasi doppio rispetto a quello attualmente preparato in farmacia, oltre a non essere ancora rimborsato dal SSR (eccezione per la Sicilia).

È ancora presto per dire se l’introduzione di un olio semi industriale porterà benefici tangibili al mondo cannabis medica galenica; certo è che il cambiamento (da questo punto di vista) è iniziato.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button