Brain

Arriva da due nuovi studi una prova scientifica che va contro la credenza diffusa che la cannabis possa danneggiare la memoria o le funzioni cognitive. Quello degli effetti della cannabis sulla nostra mente è un argomento dibattuto sul quale gli esperti non riescono a dare risposte univoche.

Tempo fa era stato diffuso uno studio che sosteneva che fumare cannabis rende stupidi, ricerca poi smentita da una pubblicazione sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences dove si spiegava che: «Lo studio fa confusione» e il calo del punteggio totalizzato nel test del Q.I. non sarebbe dovuto alla cannabis ma da differenze socioeconomiche tra gli individui del campione. Altri studi sostengono che un abuso prolungato di cannabis ad alto contenuto di THC in età precoce (12-14 anni), possa predisporre a sviluppare psicosi in età adulta, mentre una recente pubblicazione dei ricercatori delle Harvard University Medical School su Schizophrenia Research spiega che: «Non c’è ancora una prova scientifica definitiva del fatto che l’uso di cannabis possa causare psicosi». Oggi due nuovi studi scientifici danno un’altra chiave di lettura degli effetti che la cannabis può avere sul nostro cervello. Il primo ad opera dei ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Amsterdam, pubblicato su Addiction Biology, in cui sono stati monitorati per 3 anni 22 consumatori pesanti di cannabis, 4 ex consumatori pesanti di cannabis astinenti da 3 anni e 23 non consumatori di cannabis come gruppo di controllo. Dopo vari test effettuati, secondo gli scienziati non c’era differenza tra il funzionamento della memoria di lavoro dei fumatori di cannabis o dei non fumatori: «Questi risultati aggiungono alla letteratura scientifica la prova che l’uso regolare di cannabis non danneggi le funzioni cerebrali», hanno scritto. E in un altro studio pubblicato in marzo sul Journal of Clinical and Experimental Neuropsychology che ha messo a confronto le capacità cognitive di 35 studenti fumatori di cannabis e 35 non fumatori di età compresa tra i 18 e i 20 anni, gli autori hanno scritto che: “Gli utilizzatori di cannabis hanno dimostrato un quoziente intellettivo paragonabile a quello del gruppo di controllo dimostrando però una maggior velocità nel processare le informazioni”.

I fumatori sono stati più abili anche riguardo alla fluenza verbale mentre hanno avuto punteggi leggermente inferiori nei test di decisioni motivazionali, impegno e memoria verbale.





4 Comments

  1. Simone Zambon says:

    dove posso trovare questi studi?

  2. La cosiddetta cannabis ha molti effetti…é vero in un primo momento può portare dei benefici dipende come si assume e il soggetto di chi ne fa uso ma in un secondo momento se viene assunta in modo esagerato e costante per più di qualche anno si riscontrano i famosi effetti dannosi…un consigli che posso dare é fumate e ogni tanto fatevi qualche mesetto di Pausa 😉

  3. Ci siamo quasi, è giunta l'ora della riscossa per la Canapa.

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.