In evidenzaShantibaba's bag of dreams

Cannabis contaminata: come riconoscerla ed evitarla

Una panoramica sugli elementi dannosi presenti nella cannabis così da scongiurare eventuali pericoli

Cannabis contaminata: come riconoscerla ed evitarlaDa quando è iniziato l’esperimento olandese nei Paesi Bassi negli anni ’80, i prodotti consumati dal mercato nero al mercato grigio non sono mai stati sottoposti a test di laboratorio come prerequisito. Fino ad oggi, la maggior parte della cannabis consumata nei social cannabis club spagnoli o nei coffeeshop olandesi, per legge non deve essere obbligatoriamente analizzata per capire cosa contiene questo materiale per l’utente finale. Perché? É difficile da spiegare e da comprendere in realtà, poiché non ha senso dato che la maggior parte dei prodotti di consumo per gli esseri umani richiedono un minimo di ppm (parti per milione) di composti per essere considerati sicuri. Tutti i prodotti alimentari e medicinali, per legge, devono obbligatoriamente rientrare in determinate tolleranze di tossine per considerarli sicuri da usare, ma la cannabis non è mai stata ufficialmente riconosciuta fino a quando persone con patologie hanno spinto per consentirne un uso compassionevole nei casi terminali, circa 30 anni fa!

Cannabis contaminata: come riconoscerla ed evitarlaTuttavia, da quando il mercato della cannabis medica in Australia, Canada, USA, UE e così via si è espanso e ha trovato un paradigma che funziona, in cui ogni parte del sistema conosce le proprie responsabilità per il proprio guadagno finanziario. C’è un sistema stabilito da ciascuna autorità medica nazionale che specifica quali standard sono obbligatori e a quale parte del processo si applicano e a quali prodotti, con le autorità corrette che controllano diverse fasi della catena rispetto a questi standard. La cannabis medica deve essere testata per pesticidi, insetticidi, metalli pesanti e deve essere analizzata per mostrare la concentrazione e i livelli di cannabinoidi e cannabinoidi minori. Quindi certi Paesi come l’Australia sottopongono la biomassa essiccata a irradiazione per eradicare completamente muffe e microrganismi dannosi che sono invisibili e difficili da rilevare. Questi rigorosi test mostrano che il materiale coltivato o estratto non è dannoso per i pazienti, o almeno questo è quello che si credeva!

I CANNABIS VAPE

Uno studio canadese recente condotto su 20 campioni di vape acquistati legalmente e 21 campioni di vape acquistati illegalmente ha portato alla luce alcune realtà preoccupanti. Questo studio ha utilizzato una serie di batterie per vaporizzatori disponibili sul mercato pubblico e acquistabili online. La maggior parte di queste macchine sono prodotte in Cina e variano considerevolmente nei prezzi, il che significa che ci sono molti materiali utilizzati nella costruzione delle apparecchiature da svapo che potrebbero comprometterne l’uso. Il fatto interessante che riguarda questo studio è che questo si applica a tutte le persone che utilizzano cartucce per vaporizzatori e batterie per vaporizzatori, non solo per il materiale correlato alla cannabis. 

«Il tradizionale fumo di cannabis essiccata attraverso la combustione ha registrato un calo, mentre la vaporizzazione della cannabis ha registrato un aumento, soprattutto tra i giovani adulti preoccupati per le implicazioni sulla salute associate al fumo» afferma lo studio.

Cannabis contaminata: come riconoscerla ed evitarlaDa quando è arrivato il fenomeno del vaping, in cui si inalano particelle di aerosol anziché fumo vero e proprio, la maggior parte delle persone ha considerato questa pratica meno pericolosa e il passaggio è stato enorme e rapido. Le persone che desideravano smettere di fumare tabacco hanno pensato di passare a vaporizzare questi nuovi liquidi disponibili con quantità dosate di nicotina; ebbene questa è un’alternativa meno pericolosa.
Nel liquido dopo aver testato sia le cartucce per vaporizzatori legali che illegali è stato osservato che la frazione di massa del piombo in diversi campioni illegali ha raggiunto fino a 50 μg g–1. Livelli elevati di nichel (massimo 677 μg g–1) e zinco (massimo 426 μg g–1) sono stati trovati nei campioni illegali, mentre il contenuto di rame più alto (485 μg g–1) è stato misurato nei campioni legali.

Una volta che le cartucce per vaporizzatori sono state utilizzate su varie macchine, il liquido è stato analizzato nuovamente ed è stato riscontrato un aumento delle quantità di metalli pesanti presenti. 

Sono state osservate particelle metalliche nei liquidi per vaporizzatori tramite microscopia elettronica a scansione, e la spettrometria di massa a plasma accoppiato induttivamente con ablazione laser ha confermato la presenza di particelle contenenti rame, zinco, piombo e manganese, metalli che sono presenti in leghe comuni che possono essere utilizzate per fabbricare dispositivi per vaporizzare. Questi risultati suggeriscono che le particelle metalliche potrebbero essere un fattore contributivo alla scarsa precisione delle misurazioni e, per la prima volta, per quanto ne sappiamo, forniscono prove della presenza di particelle metalliche nei liquidi per vaporizzare cannabis contenuti nelle penne per vaporizzare cannabis non utilizzate.

METALLI PESANTI

Diverse pubblicazioni hanno dimostrato che i componenti metallici dei dispositivi per vaporizzare rilasciano metalli nei liquidi per vaporizzare. I livelli di metalli rilasciati dipendono dai metalli utilizzati nella costruzione dei componenti del dispositivo per vaporizzare, ma quelli più comunemente misurati sono Pb, Ni, Cu, Zn, Sn, Al e Cr. Sebbene non sia ancora completamente compreso il meccanismo esatto con cui i metalli nei dispositivi per vaporizzare possono filtrare nei liquidi per vaporizzare, ci sono evidenze di corrosione dei componenti metallici e di crepe superficiali nei dispositivi per vaporizzare la nicotina. 

Per spiegare questo in modo più semplice, sembra evidente che il distillato, il liquido alla nicotina e l’aroma terpenico hanno un’azione corrosiva sul meccanismo di vaporizzare e di conseguenza i liquidi dei vaporizzatori più economici potrebbero contaminarsi nel tempo con composti non presenti nel liquido effettivo utilizzato per riempire le cartucce.

L’altro punto da considerare è l’utilizzo dei vaporizzatori a temperature costantemente molto alte può influenzare il funzionamento interno del macchinario e portare alla contaminazione del liquido.

Ciò implica che acquistare vaporizzatori di fascia alta con componenti di qualità e controlli di sicurezza pubblici è nel tuo migliore interesse e forse più sicuro.

Con la popolarità dei vape aromatizzati e delle cartucce di plastica usa e getta che non contengono THC o CBD, questi dispositivi si rivolgono al mercato giovanile. La cosa più preoccupante nell’uso dei terpeni nei dispositivi di vaporizzazione è l’incapacità di sapere quanto di un terpene si sta inalando. Considerando che in natura i composti terpenici sono presenti in concentrazioni minime nei singoli frutti o fiori. Questo significa che questi composti idrocarburici sono incredibilmente corrosivi e usati in concentrazioni elevate nel tempo possono portare a gravi problemi di salute. Quindi, anche se il sapore può sembrare dolce e saporito, senza sembrare pericoloso, col tempo potremmo scoprire una situazione diversa. Quando si sente un profumo di fragola è difficile immaginare che possa farti male, ma attenzione che la maggior parte dei terpeni utilizzati e venduti a prezzi economici sono prodotti sinteticamente in laboratorio, a basso costo.

I veri terpeni o oli essenziali distillati da veri fiori e frutti utilizzano grandi quantità di prodotti per ottenere piccole quantità di essenza, mentre la produzione sintetica di terpeni in laboratorio può ridurre notevolmente i costi e consentire al produttore di utilizzare eccessivamente aromi in concentrazioni che non si trovano in natura.

Questo accade frequentemente nell’industria alimentare sui cibi trasformati per renderli appetibili a determinate fasce di età e popolazioni.

LE INFIORESCENZE

Cannabis contaminata: come riconoscerla ed evitarlaI fiori di cannabis destinati al mercato medico di tutto il mondo sono sottoposti a una serie di test di laboratorio per mostrare i livelli specifici delle sostanze più dannose. Se sono inferiori ai livelli consentiti, il fiore viene approvato e autorizzato alla vendita. In Canada nel 2022, la quantità di cannabis distrutta è stata pari a circa il 16% della produzione totale, che era di circa 3,8 miliardi di grammi. Ascoltando questi fatti dai produttori legalmente autorizzati di cannabis, ci si chiede quanti fiori di cannabis provenienti dal mercato nero siano stati consumati negli ultimi 30 anni senza sapere realmente quali tossine, composti, pesticidi, insetticidi, erbicidi o contaminanti fossero presenti. Un pensiero veramente inquietante! 

È il 2024 e abbiamo superato tempi difficili per poter finalmente diventare produttori legali, consumatori legali e distributori legali di fiori/prodotti di cannabis. Oggi abbiamo linee guida rigorose stabilite da enti come Swiss medic o TGA (Therapeutic Goods Administration) per stabilire standard di qualità per l’uso medico dei fiori di cannabis e dei prodotti. Se finalmente siamo in grado di svolgere questo lavoro come professione dopo tanti anni di clandestinità, allora l’obbligo minimo che abbiamo verso quegli utenti finali (pazienti) è eccezionalmente importante secondo gli standard odierni. Non conosco nessun produttore o distributore di fiori di cannabis o prodotti a base di cannabis che voglia imbrogliare o vendere merce di qualità inferiore o contaminata di proposito. Tuttavia, ciò non significa che non esista!

La morale della storia riguardo i prodotti a base di cannabis, ai fiori e agli oli, ecc. è quella di controllare personalmente tutte le parti della procedura, dalla semina al fumo, per essere sicuri al 100% che nulla sia compromesso e che il risultato finale sia pulito, sicuro ed efficace. È come se coltivassi un orto e sapessi esattamente cosa è stato usato per produrre quegli ortaggi, allora sai! Se non siete in grado di fare tutto da soli e vi affidate all’acquisto dei prodotti, allora dovete fare ricerche e fare le dovute verifiche sulle cose che interessano. Chiedere ai dispensari di mostrarvi la microbiologia dei prodotti che vendono e da cui si riforniscono è un ottimo punto di partenza per tranquillizzarvi. Se i produttori non possono mostrarti i test di laboratorio aggiornati, fate attenzione. I prodotti di alta qualità costano di più, ma sono generalmente più controllati. Ecco perché alcune aziende acquisiscono una forte reputazione, mentre altre magari producono in massa prodotti generici che rispettano i requisiti minimi stabiliti, ma sono economicamente accessibili. Alla fine non si tratta solo di soldi e quantità, ma si tratta di educazione, salute e armonia nella vita quotidiana. 

«Se non riesci a spiegarlo in modo semplice, non lo capisci abbastanza bene», diceva, non a caso, Albert Einstein

Cannabis contaminata: come riconoscerla ed evitarla



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio