CannabisHigh times

Trovati con la cannabis: 14enni espulsi dalle scuole Medie. È educazione questa?

cannabis scuola mediaDue ragazzi di terza media, un maschio e una femmina di appena 14 anni. Tra i banchi della scuola Don Rinaldo Beretta di Giussano (Monza e Brianza), mentre il professore è girato verso la lavagna, lui passa a lei una bustina. I compagni di classe avvisano il professore che va a controllare: dentro il piccolo involucro una piccola quantità di cannabis. Succede il finimondo.

Il professore avvisa la vicepreside che a sua volta chiama i carabinieri. I due quattordicenni, accompagnati in caserma con le famiglie, vengono denunciati. La vicenda poi viene posta all’attenzione del consiglio d’istituto. Dopo qualche ora di discussione arriva il verdetto, spietato: espulsione e bocciatura automatica con l’esclusione dagli esami di terza media. I due ragazzi devono perdere l’anno, rimanere in strada fino al prossimo settembre (gli è stato vietato l’ingresso a scuola), e nel frattempo essere trattati come persone con problemi di droga dopo la segnalazione. Inoltre non è chiaro se il ragazzo è anche accusato o meno di spaccio. Per la preside Silvana Varenna «una decisione giusta, presa per il loro bene, perché per i ragazzi seguire un percorso che li aiuti a riflettere è più importante della licenza media».

Ha senso tutto questo? Crediamo veramente che escludere dei ragazzini di 14 anni da scuola, e additarli pubblicamente come mele marce da allontanare dal resto dei coetanei servirà «a farli riflettere». O piuttosto si corre il rischio di emarginarli, spingendoli così ai margini e ottenendo l’effetto contrario da quello educativo che si dice di voler perseguire?

Per fortuna il dubbio se lo è posto anche il sindaco del piccolo paese brianzolo, Matteo Riva. Il trentaduenne primo cittadino ha criticato la decisione del Consiglio d’Istituto e ha annunciato che sta valutando la possibilità di aiutare i due ragazzi a presentarsi all’esame di terza media come privatisti. «Capisco il timore degli altri genitori – ha dichiarato –  ma la scuola è inclusione, anche in presenza di comportamenti erronei. Così rischiamo di etichettare i due ragazzi come persone sbagliate, ma invece hanno il diritto di dimostrare di aver compreso l’errore».

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button