Il Pakistan ha legalizzato la produzione di canapa industriale e ora punta ad aprire il mercato che nelle previsioni governative potrebbe generare 1 miliardo di dollari nei prossimi 3 anni, come sottolineato dal ministro della Scienza e tecnologia Fawad Chaudhry, aggiungendo che il mercato globale vale circa 25 miliardi di dollari.

La canapa per creare una nuova economia legale in Pakistan
I distretti nord-occidentali del Pakistan lungo il confine afgano sono stati la patria della coltivazione illegale di papaveri da oppio e cannabis, venduti sul mercato locale degli stupefacenti o contrabbandati a livello internazionale. Questa svolta può contribuire a riportare nella legalità centinaia di coltivatori, che avrebbero sbocchi legali nei mercati della canapa industriale e in quello della produzione di CBD.

La canapa in Pakistan per sostituire il cotone
Il governo ha detto che la canapa può essere un sostituto sostenibile per la produzione di cotone, che è in declino in Pakistan; il paese era una volta il quarto più grande produttore di cotone nel mondo dietro la Cina, l’India e gli Stati Uniti, e il più grande esportatore mondiale di filato di cotone. La coltivazione della canapa per i tessili è un’ovvia alternativa, ha suggerito il governo. Una prima licenza per la canapa in Pakistan è già stata data al Ministero della Scienza e della Tecnologia e al Pakistan Council of Scientific and Industrial Research (PCSIR) per analizzare le cultivar locali, la chimica delle piante e le potenziali applicazioni industriali.

I nuovi regolamenti allo studio in Pakistan
– Il primo passo dovrebbe essere la rimozione del termine “canapa” dalla lista degli “stupefacenti” o definirla separatamente come “canapa industriale”.
– Il CBD dovrà essere dichiarato una sostanza non controllata o dovrà essere dato il permesso di importazione a condizioni specifiche, e la dogana deve essere informata che il CBD non è una sostanza controllata.
– Devono essere stabilite regole specifiche per l’importazione del CBD.
– La Drug Regulatory Authority del Pakistan deve dare l’autorizzazione di mercato per i prodotti CBD come prodotto farmaceutico, erboristico o nutraceutico.

I primi segnali dall’estero
Secondo Hemp Today, “Uno dei primi a muoversi è il produttore australiano di nutraceutici Creso Pharma Ltd., che ha recentemente annunciato un accordo di distribuzione con Route2Pharm Pvt Ltd, Lahore. Si dice che Route2Health stia spingendo molto per l’approvazione del CBD nello stesso Pakistan, ma l’accordo dell’azienda con Creso va oltre il Pakistan per includere Cambogia, Afghanistan, Azerbaijan, Bangladesh, Georgia, Maldive, Myanmar, Tajikistan, Turkmenistan, Uzbekistan e Vietnam – mercati per un totale di 750 milioni di abitanti.

Fonte: canapaindustriale.it





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.