Industriale

Canapa, kiwi e latticini per la nuova bioplastica italiana

Kiwi tagliati nelle mani di un uomo

Una bioplastica che «non inquini più il mare e la terra» creata a partire da scarti alimentari come quelli della canapa, le bucce di kiwi e i latticini scaduti. È il progetto Plasmilk, partito 6 mesi fa, e che di recente è stato presentato a sindacati e lavoratori.

Una storia di riscatto fin dal principio, visto che l’imprenditore Francesco Borgomeo, protagonista del progetto, ha rilevato la Naco di Cisterna, che era uno stabilimento che produceva additivi chimici per caldaie, per trasformarla in un’azienda green, la Plasta Rei.

L’imprenditore, non nuovo a iniziative di questo tipo, viene raccontato da Repubblica.it come «uno specialista nel rilevare vecchie aziende in crisi e trasformarle in realtà di successo con iniziative innovative». E intanto l’azienda ha già presentato la domanda per depositare il brevetto a livello internazionale di Plasmilk.

«Vogliamo produrre una plastica – ha spiegato Borgomeo – che non inquini più il mare e la terra attraverso componenti presenti sul territorio. Punteremo a recuperare plastica sfruttando l’esperienza nella chimica. Questo il nostro enorme valore aggiunto».

A raccontare meglio i dettagli del prodotto ci ha pensato Fabio Mazzarella, direttore generale della nuova azienda, che, riguardo alla bioplastica innovativa ha sottolineato che: «Si tratta di un grano che ha una componente bio quali latte e derivati, kiwi e canapa. L’idea è utilizzare tutto lo scaduto di latte e derivati, tutti gli scarti della catena alimentare e dalla grande distribuzione e di metterli in un’ideazione di vera e propria plastica». 

In questo modo verranno sfruttati appieno i prodotti dell’area nord della zona pontina (kiwi e latte), in una logica di produzione green e di valorizzazione del territorio. «È questa la nostra filosofia», ha puntualizzato Borgomeo: «Fare del recupero e del riutilizzo all’interno di un’azienda chimica che era stata considerata da dismettere. Stiamo invece dimostrando, e il brevetto stesso ne è la prova, che c’è dal grandissimo valore negli uomini e le donne che lavorano a Cisterna. E punteremo a fare del recupero della plastica con l’expertise tipico della chimica, che rappresenta un valore aggiunto enorme».

Fonte: canapaindustriale.it

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button