Abbiamo deciso di creare uno spazio e affidarlo direttamente alle associazioni che si occupano di canapa industriale nel nostro Paese per dare loro la possibilità informare in prima persona sulle iniziative e i progetti che le caratterizzano.

Img 1APROCAMA (Associazione Produttori Canapa Marche)
Si chiama Aprocama ed è l’acronimo di Associazione Produttori Canapa Marche. È un’associazione nata a settembre 2013 ma che è da poco diventata ufficiale. L’idea è quella di riunire gli sforzi delle aziende agricole del settore, a livello regionale, per coordinare metodi di sfruttamento di questa pianta in un settore che, dopo gli anni di buio ingiustificato, può tornare ad essere determinate in ottica di sviluppo sostenibile e sfruttamento dei terreni incolti. Due anni fa nelle Marche l’associazione ha coltivato 18 ettari, l’anno scorso è arrivata a più di trenta e, senza incentivare la coltivazione, quest’anno si è arrivati intorno ai 60 ettari. Nel frattempo vari agricoltori si stanno riunendo in una cooperativa con l’obiettivo di produrre piante da seme con un occhio sempre attento alla prima trasformazione che chiuderebbe un cerchio e riattiverebbe una filiera agroindustriale.

Img 2ASSOCANAPA (www.assocanapa.org)
Assocanapa è l’associazione costituitasi nel 1998 che raccoglieva soprattutto appassionati della canapa più i pochi coltivatori storici. Da quest’anno le aziende associate sono più di 300 e gli ettari superano i 1000. Ha sedi operative locali in tutte le regioni italiane ed è stata costantemente l’interlocutore dei Ministeri e delle Forze dell’ordine sui problemi della canapa, come una vera e propria associazione di produttori. Fornisce gratuitamente consulenza agronomica e legale agli agricoltori che coltivano canapa e più di recente anche consulenza in materia di uso della canapa in edilizia. Nel 2014 ha organizzato più di 40 seminari su tutto il territorio nazionale.
 Praticamente è retta “volontariamente” in senso organizzativo ed economico da parte dei soci fondatori e da Assocanapa srl che è stata fondata nel 2002 con lo scopo di realizzare la filiera di produzione e prima trasformazione della canapa in Italia, allora non presente. Dal 2003 è riconosciuta come ditta sementiera produce e commercializza le varietà italiane Carmagnola, CS e Fibranova e varietà francesi. Dal 2006 è riconosciuta come primo trasformatore di paglie di canapa ai sensi della normativa europea ed è uno dei 7 membri della EIHA (European Industries Hemp Association). Il 30 agosto a Crispiano (TA) è stato inaugurato da South Hemp Tecno il secondo impianto italiano di trasformazione in Italia con tecnologia Assocanapa S.r.l..

Img 3ACS (Associazione Canapa Siciliana)
L’ACS è attiva in Sicilia dal 2013 come associazione che si dedica alla creazione e gestione di una filiera completa per la coltivazione, la trasformazione e commercializzazione della canapa industriale nell’isola e nel resto del Paese. L’associazione, in collaborazione con l’azienda Sicilcanapa Trade S.r.l. opera nella sperimentazione agricola, ricerca e sviluppo, meccanizzazione e gestione della filiera, commercio della linea di prodotti alimentari, che si ricavano dalla lavorazione dei semi di canapa. Per l’anno 2014 la società ha in pianificazione il lancio di nuovi prodotti su mercati diversi, dalla cosmetica naturale alla bioedilizia, dalla zootecnia ai prodotti per l’agricoltura.
Nel frattempo l’associazione sta provvedendo a realizzare il primo impianto di trasformazione in Sicilia per la canapa industriale e dei suoi derivati.
 Sicilcanapa Trade S.r.l. è stata costituita ad Ispica nel 2012, ma nasce da un progetto iniziato nel 2007, da Giuseppe Sutera Sardo socio del Coordinamento Nazionale per la canapicoltura in Italia e responsabile della regione Sicilia, e da Stefania Martorina, che hanno investito proprie risorse finanziarie e tanto lavoro per creare una realtà imprenditoriale che potesse operare nel settore agricolo, industriale e commerciale.

Img 4CANABRUZZO (www.canabruzzo.it)
L’associazione Canabruzzo si propone di promuovere, tutelare e diffondere la coltivazione della canapa, del lino, dell’ortica, Kenaf e della juta e il loro impiego nei vari settori produttivi stimolando e sviluppando la ricerca volta a favorire e agevolare tale coltivazione, rappresentando le esigenze dei soggetti che coltivano e promuovendo iniziative che valorizzano le attività dei soci. Per farlo gli strumenti sono quelli di coordinamento di iniziative legali, legislative ed associative per lo sviluppo delle coltivazioni, la realizzazione, anche in collaborazione con altri organismi ed enti pubblici o privati, di attività di informazione e di formazione per agricoltori, operatori del settore, tecnici e utilizzatori oltre al supporto di settore in progetti sperimentali e innovativi. Per il 2014 l’associazione oltre ad aperitivi e cene a base di canapa e all’attività informativa ha effettuato una coltivazione di futura75, la prima di canapa in Abruzzo, per ricavarne olio e farina.

2014-10-10 10.16.04 am

CANAPUGLIA (www.canapuglia.it)
CanaPuglia è un progetto nato agli inizi del 2011 che mira a diffondere il valore della canapa per l‘Uomo, l’Ambiente e l’Economia. Vincitore del concorso “Principi Attivi” promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Puglia, è stato riconosciuto come «progetto di straordinaria innovazione che ha aperto un mondo sconosciuto agli occhi di gran parte dell’opinione pubblica avviando un processo di sensibilizzazione sui concetti di eco-sostenibilità e bio-compatibilità promuovendo la coltivazione e l’impiego in diversi campi della Cannabis Sativa» (Premio Ambiente Faraglioni di Puglia 2012). Dopo la semina sperimentale di un ettaro di canapa nel 2011, l’associazione è arrivata a quota 120 ettari nel 2013 sviluppando un progetto in collaborazione con il CRA su diversi aspetti della coltivazione di canapa nel meridione ed in aree inquinate. Nel 2012 è stata creata l’azienda Delizie di Canapa per portare la rivoluzione di questa pianta anche sulle tavole italiane. 
Attraverso la cooperazione l’associazione si pone l’obiettivo di migliorare le condizioni ambientali, economiche e sociali del nostro Paese. Il Network è un tentativo concreto di perseguire questo valore mantenendo l’integrità dei prodotti a base di canapa, limitando l’impatto dell’uomo sul pianeta, supportando le persone che vogliono informazioni sull’argomento e favorendo la nascita di filiere locali con dinamiche innovative.

big_LOGO_Lucanapa_fbLUCANAPA (www.lucanapa.com)
L’Associazione Lucanapa nasce con l’intento di introdurre, promuovere, realizzare e incentivare processi produttivi sostenibili realizzando un modello differente di costruzione del futuro grazie proprio alla partecipazione attiva, alle competenze, alle idee innovative dei soci. È stata realizzata una filiera corta ad anello, dove Lucanapa è responsabile della tracciabilità di ogni prodotto e dove i produttori diventano parte integrante della commercializzazione. Per promuovere lo sviluppo della filiera è stata fondata Lucanapa Società Cooperativa, che si impegna ad acquisire le materie prime dai soci produttori per avviarle alla trasformazione e al mercato. Attualmente l’associazione coltiva 56 ettari a canapa, dalla provincia di Salerno attraversando tutto il territorio della Basilicata per finire in Puglia in provincia di Foggia. L’appezzamento più esteso è di 6 ettari e gli altri terreni sono suddivisi fra 23 produttori, quasi tutte aziende agricole già esistenti che hanno cominciato la sperimentazione produttiva con la canapa. Oggi la produzione riguarda alimenti e cosmetica, mentre l’anno prossimo comincerà la lavorazione della canapa per l’industria edilizia. Lucanapa ha intrapreso anche il progetto FitoFibra, ben distinto dalla filiera alimentare che prende il nome dalla capacità fitodepuratrice della canapa. Il progetto intende dare risposte, anche economiche agli agricoltori, che per differenti motivi, si trovano ad avere terreni compromessi da inquinanti.

Img 7SATIVA MOLISE (www.sativamolise.com)
L’associazione Sativa Molise è un’associazione di promozione sociale apartitica, apolitica e aconfessionale, indipendente e che non persegue finalità di lucro. I principi ispiratori sono quelli di equità e di sostenibilità economica, sociale ed ambientale. Crediamo fortemente che il rispetto e la tutela dell’ambiente naturale debbano essere, oggi più che mai, una priorità nella vita di tutti noi. La canapa, secondo l’associazione, può essere uno “strumento” vincente nel perseguire le nuove direttive comunitarie in materia di ambiente, agricoltura, salvaguardia del territorio, energie rinnovabili e bioedilizia per citarne alcune. In particolare promuoviamo la canapa come risorsa ecologica nel settore dell’agricoltura, dell’energia, della bioedilizia, del tessile, della carta e di ogni altro possibile settore di applicazione cercando di scardinare i pregiudizi socio-culturali che si oppongono alla sua reale e massiva reintroduzione nel contesto Italiano. La neonata associazione nell’annata agraria 2014 ha seminato 22 ettari di canapa in Molise e Abruzzo nei comuni di Palata, Vasto, Montenero di Bisaccia. Accanto alla sperimentazione agricola, l’associazione è da mesi ormai all’opera per produrre olio e farina di semi di canapa.

HEMP-TRAIN-270x299TOSCANAPA (www.toscanapa.com)
L’associazione Toscanapa è attiva nel recupero e diffusione della pianta canapa, sia come prodotto agricolo che come base organica rinnovabile. Promuove un modello basato su concetti di filiera corta, di tracciabilità e di legalità, si occupa della selezione e fornitura delle sementi, dell’assistenza riguardo le principali tecniche agricole (semina, crescita e raccolta), della lavorazione dei prodotti ottenuti e della commercializzazione dei prodotti derivati. L’associazione conduce anche importanti studi nel settore della trasformazione, per il quale promuove soluzioni di “impianti mobili”, con l’obiettivo di costruire un’innovativa ed efficiente filiera industriale della canapa in tutta Italia. A tal fine ha sviluppato sul proprio sito web una piattaforma di coordinamento nazionale dove agricoltori e professionisti nel settore della canapa possono conoscersi, scambiare opinioni, approfondire tecniche di lavorazione, e creare rete. Già da questo settembre l’associazione ha attivato la campagna coltivazioni 2015. Sul sito internet www.toscanapa.com è possibile trovare queste e molte altre informazioni.





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.