Oggi è il gran giorno per il Canada. Il Senato è chiamato a votare in ultima lettura la proposta di legge per la legalizzazione della cannabis, che quindi la prossima settimana potrebbe essere firmata dalla regina Elisabetta e diventare operativa. Il Canada diventerebbe così il primo stato parte del G7 a legalizzare le droghe leggere.

Pochi i dubbi sul risultato delle votazioni: la legalizzazione, fortemente voluta dal premiere Justin Trudeau, passerà ad ampia maggioranza. Secondo il testo di legge ogni cittadino maggiorenne avrà il diritto di detenere fino a 30 grammi di cannabis acquistata nei dispensari e di coltivare un massimo di 4 piante. Sarà legale anche la preparazione e la vendita di alimenti contenenti THC, mentre sarà rigorosamente vietata l’esportazione della cannabis.

Le incognite risiedono negli emendamenti al vaglio del Senato che potrebbero cambiare parte della legge: sono in tutto 40. Alcuni sono tecnicismi di scarso valore, altri invece potrebbero portare a modifiche più importanti: in primis la possibilità da parte della singola provincia o territorio di proibire la coltivazione ad uso personale, ma anche il divieto, introdotto pochi giorni fa con un emendamento conservatore, di vendere merchandising connesso alla cannabis.

Se questi emendamenti verranno adottati il governo dovrebbe valutare se accettarli, e quindi promulgare la legge, oppure contestarli ma in questo caso inizierebbe un nuovo ping pong tra Camera e Senato che farebbe slittare i tempi di approvazione.

In caso di approvazione da parte del Senato e successiva accettazione da parte del governo serviranno solo alcune settimane di preparazione ed entro l’estate la cannabis sarà venduta nei dispensari.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.