La legalizzazione della cannabis in Canada ha portato alla diminuzione delle prescrizione di oppioidi nel Paese. E’ il risultato di un nuovo studio scientifico curato dai ricercatori dell’Università di Toronto che è stato pubblicato su Applied Health Economics and Health Policy.

Per arrivare a questo risultato i ricercatori hanno valutato il volume totale delle prescrizioni di oppioidi e la relativa spesa economica, prima e dopo la legalizzazione della cannabis. Tenendo presente che la legalizzazione canadese è diventata effettiva il 17 ottobre 2018, i ricercatori hanno preso in considerazione i dati che andavano da gennaio 2016 a giugno 2019.

“Il 17 ottobre 2018 la cannabis ricreativa è diventata legale in Canada, aumentando così l’accesso e riducendo lo stigma associato al suo uso per la gestione del dolore”, scrivono infatti i ricercatori nell’abstract dello studio.

Legalizzazione della cannabis e prescrizione di oppioidi

I ricercatori fanno poi notare che il calo delle prescrizioni è avvenuto in tutti i 42 mesi presi in esame, ma che: “Il calo della richiesta è stato 5,4 volte maggiore nel periodo successivo alla legalizzazione. Anche la spesa mensile totale per gli oppioidi è stata ridotta in misura maggiore dopo la legalizzazione (267mila dollari canadesi contro 95mila dollari al mese). I risultati sono stati simili per i piani farmaceutici privati; tuttavia, il calo assoluto nell’uso di oppioidi è stato più pronunciato (76,9 contro 30,8 mg/richiesti). Durante il periodo di 42 mesi, anche l’uso di gabapentin e pregabalin è diminuito”.

Dati che fanno affermare ai ricercatori che: “La legalizzazione della cannabis ha coinciso con un marcato calo dei volumi di oppioidi prescritti in Canada” e che nelle conclusioni supportano l’ipotesi che “un più facile accesso alla cannabis per il dolore può ridurre l’uso di oppioidi sia per i piani farmaceutici pubblici che privati”.

Uno studio che si inserisce nella cornice più ampia di diversi lavori scientifici che indicano come la cannabis, che viene largamente utilizzata per combattere il dolore, possa sostituire gli oppioidi, riducendo le morti che questi farmaci possono causare.

Negli stati dove la cannabis per uso ricreativo o medico è legalizzata, le morti per overdose causate dagli oppiacei diminuiscono fino al 35%. Questa la scoperta della rivista Economic Inquiry che in uno studio del 2019 ha fatto il punto sull’accesso alla cannabis legale negli Stati Uniti, evidenziando appunto un calo fino al 35% dei morti fra i consumatori abituali di medicinali a base di oppio. Per gli autori il motivo è da ricercare nell’auto-trattamento, cioè nell’uso totalmente autonomo di cannabis per alleviare il dolore al posto dei derivati dall’oppio e il nesso causale tra la cannabis legale e la riduzione delle morti è risultato essere “molto forte”.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.