IMG1 1

Lo sport, per definizione, è quell’insieme di attività, individuali o collettive, atte a sviluppare determinate capacità psicomotorie, a scopo di semplice svago, competizione, ma anche svolte a fini salutari. 
Aggiungerei: lo sport non uccide. La caccia, invece, sì. I cacciatori non si allenano con innocui attrezzi ginnici; un fucile non è un pallone, una racchetta o un paio di sci. Mi chiedo, come possa essere considerata una disciplina sportiva, un’attività che miete vittime animali e umane! Se non è uno sport allora è un hobby! Possiamo annoverarlo tra questi? Viene praticata nel tempo libero come qualsiasi altro passatempo, certo, ma gli hobby si esercitano per piacere, per divertimento. Uccideremmo qualcuno per diletto? Certamente no e allora la caccia non può essere definita un hobby, spiacente! Se non è uno sport, se non è un hobby, cos’è la caccia? Serve, forse, alla sopravvivenza delle persone che la praticano? Assolutamente no e vorrei sottolineare, che spesso, i cacciatori, non si nutrono della carne delle prede cacciate ma le usano come “trofei” per farsi un selfie da pubblicare sui social. Se non è sopravvivenza, se non è uno sport, se non è un hobby, cos’è allora la caccia? Una carneficina!

Ogni anno i cacciatori uccidono milioni di animali innocenti, migliaia di gatti domestici e migliaia di cani, colleghi di caccia, passanti, ecc. La passata stagione venatoria conclusasi lo scorso gennaio, si è chiusa con un bilancio nero: una strage di animali, danni incalcolabili all’ambiente, vittime tra i cacciatori e la gente comune. I dati forniti ogni anno dall’associazione Vittime della Caccia, ricavati dalla stampa locale, parlano chiaro: «105 tra morti e feriti, tra i cacciatori, per armi da caccia nell’arco di quasi cinque mesi, 11 morti e 28 feriti, invece, tra i civili». L’associazione «non riesce più a soddisfare le richieste di aiuto e consigli per la mole di SOS che gli arrivano. Troppi i casi segnalati, troppe le illegalità che oramai emergono sistematicamente dalle testimonianze delle famiglie allarmate per la propria sicurezza, quella dei propri cari, animali compresi». Anche quest’anno gli incidenti sono già tanti: un ragazzino di 12 anni è stato impallinato mentre passeggiava con il fratellino e i genitori, una donna incinta è stata ferita mentre camminava su una pista ciclabile, un pensionato colpito mentre raccoglieva la frutta nel proprio podere, una donna è stata investita dai pallini di quattro personaggi armati in mimetica, un’altra donna è stata colpita alla testa all’interno della propria automobile da un appostamento fisso. Tra le ultime vittime anche una ciclista, ferita ad una gamba, a un braccio e al fianco da un incauto cacciatore che puntava a colpire una lepre.

Siamo davvero stanchi dei soprusi dei cacciatori armati sino ai denti; siamo snervati dall’indifferenza e assenza delle istituzioni che dovrebbero prendere provvedimenti seri e concreti per la sicurezza pubblica; tacciono, invece, piegandosi alla lobby delle armi e dei cacciatori. I politici non dovrebbero autorizzare la caccia per soddisfare il desiderio ludico di una minoranza di cittadini a discapito degli altri animali, perché ricordiamoci che sono loro le numerose vittime di questa crudele attività. «Nonostante la stagione di caccia si chiuda formalmente a fine gennaio, non c’è pace per gli animali selvatici, moltissimi continuano infatti ad essere uccisi per tutto il corso dell’anno: le volpi con i loro cuccioli, nutrie, daini, caprioli, colombi cadranno a migliaia sotto il piombo dei cacciatori, il più delle volte senza alcuna motivazione scientifica se non il chiaro intento della classe politica di raccogliere i voti dei cacciatori», denuncia la LAV. Non è, a mio avviso, nemmeno accettabile la caccia di selezione, quella praticata per proteggere un ecosistema fragile. Gli squilibri sono sempre determinati dalle azioni dell’uomo, il quale dovrebbe risolverli non imbracciando un fucile ma prevenendo certe situazioni. Diverse specie sono state introdotte a scopo venatorio come il caso del cinghiale ungherese, che essendo più prolifero e più grande del nostrano, lo sta annientando. Noi siamo gli artefici e carnefici allo stesso tempo di tante mattanze. «La furia dei cacciatori è così cieca da oscurare la loro vista e i loro cuori, altrimenti non chiamerebbero “trofeo” quello che è un cadavere, né “sport” quello che è un assassinio. Noi chiediamo al ministero dell’Interno la sospensione della caccia perché è un’attività letale per tutti», commenta la LAV. Il 74,3% della popolazione italiana risulta contraria alla caccia secondo il Rapporto Italia 2014, l’indagine presentata ogni anno dall’agenzia Eurispes. Tre italiani su quattro sono favorevoli alla messa al bando della pratica venatoria.

 





4 Comments

  1. Scusa, quale sezione del rapporto in particolare riporta questi dati?

  2. La Voce dell'Astice says:

    Costume e società. Ti copio e incollo dal rapporto "Anche per quanto riguarda la caccia il numero di contrari raggiunge livelli elevati (74,3%), rispetto a quanti invece si dichiarano favorevoli (meno di un italiano su 4, il 24,4%, anche se in aumento dalla precedente rilevazione del 4,5%). Un terzo (33,3%) degli italiani è favorevole all’utilizzo degli animali nei circhi, ma la maggior parte, il 65%, è contrario. Appena più della metà del campione è favorevole all’esistenza degli zoo (56,2%, contro il 42,2% dei contrari) e dei delfinari (54,5% vs 43,8). La possibilità di accesso degli animali da compagnia nei luoghi pubblici (64,9%) e nelle strutture alberghiere (60,3%) raccoglie oltre la metà dei consensi. link del rapporto: http://eurispes.eu/content/comunicato-stampa-rapporto-italia-2014

  3. La Voce dell'Astice says:

    a te buona serata

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.