Buju_Banton

Pensare che il nuovo processo lasciava ben sperare. Apertosi il 14 febbraio il giorno di San valentino, sotto il riflesso Grammy vinto qualche ora prima si sperava che venisse scagionato. Non tanto perché si credeva alla sua innocenza ma per il modo in cui è stato arrestato, cadendo nella trappola tesa dall’antidroga americana grazie ad un informatore in busta paga. “Mi vergogno molto di me stesso”, ha detto Banton durante la sua deposizione al processo. “So che suona male. Ma io non ho partecipato a quell’acquisto”.

Il processo non c’entrava affatto con la carriera musicale, ma l’immagine di quel Grammy si sperava ottenesse benefici anche se il suo avvocato lo aveva escluso a priori. “Non si tratta di Buju Banton, il cantante reggae,” il procuratore James Preston ha detto in chiusura di processo “Si tratta di Mark Myrie”. Preston, il procuratore capo, ha presentato nastri audio e video di Banton che dimostrato la sua colpevolezza. In un video si vedeva assaggiare la cocaina in un deposito di Sarasota, l’8 dicembre 2009. Ma materialmente non era presente all’affare, concluso due giorni dopo. Gli avvocati della difesa avevano puntato sull’informatore, semplicemente non era credibile, aveva guadagnato 3,3 milioni dollari lavorando per gli agenti anti droga negli ultimi 14 anni, di cui 50.000 dollari erano il suo ricompenso per aver incastrato Banton.

Buju è stato dichiarato colpevole di cospirazione per possesso e distribuzione di cocaina, per possesso di un’arma da fuoco con l’aggravante di traffico di droga e per l’utilizzo del telefono per facilitare un reato. Anche se è ritenuto colpevole non è stata ancora stabilita la pena carceraria. L’avvocato difensore crede che avrà non meno di 15 anni, intanto si prepara al ricorso mentre il suo assistito ritorna in carcere.

a cura di T-Action

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.