High timesIn evidenza

Bimbo morto per “overdose di hashish”, ma l’autopsia non è ancora stata depositata

bimbo overdose hashish
Per la stampa italiana mainstream è una certezza: Nicolò, il bimbo di due anni deceduto lo scorso 28 luglio all’ospedale di Pieve di Cadore, è morto per “overdose di hashish”.

La notizia è stata data in anteprima dal Corriere scrivendo che il piccolo “è deceduto a causa di una overdose di hashish” e che si tratterebbe di “una prima anticipazione dell’autopsia” svolta dal medico legale Antonio Cirnelli, medico legale nominato dalla procura. “Non solo”, continua il Corriere, “le analisi dei capelli del piccolo rivelano tracce di cocaina ed eroina”.

OVERDOSE DI HASHISH? L’AUTOPSIA NON È STATA DEPOSITATA

Insomma, la notizia viene data per certa, ma c’è un problema: l’autopsia, ad oggi, come ci ha confermato l’avvocato del padre del piccolo indagato per omicidio colposo, non è ancora stata depositata, e quindi le decine di articoli scritti fino ad oggi sull’argomento sono basati su un’ipotesi non verificata. Ribadiamo: ad oggi non c’è nulla di ufficiale a parte il fatto che il bimbo sia morto per arresto cardiaco.

“Nonostante sia uscita la notizia, l’autopsia non è stata ancora depositata”, spiega infatti l’avvocato Massimiliano Xaiz, “per cui non abbiamo né la relazione né gli esiti”. Tra l’altro, sottolinea l’avvocato, ai primi di agosto il consulente aveva chiesto 90 giorni di tempo, che scadrebbero quindi a inizio novembre.

In tutto questo anche il consulente della difesa è al lavoro, anche lui ha già svolto l’autopsia, ma nemmeno lui ha ancora depositato i risultati.

Quello che resta è una tragedia enorme, nella quale la verità non è ancora stata appurata, ma per la stampa italiana c’è già un colpevole, la cannabis, e la “sentenza” è già stata emessa con decine di articoli di giornale.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button