High timesTerapeutica

Bernini (M5S): allo stabilimento militare di Firenze sono pronti per produzione cannabis

istituto farmaceutico militare firenze“Allo Stabilimento chimico farmaceutico di Firenze hanno già preparato un piano per la produzione e predisposto un capannone per la coltivazione indoor di cannabis terapeutica, aspettano solo il via libera del ministero della Salute”. A confermare le indiscrezioni degli ultimi giorni è Paolo Bernini, deputato del Movimento 5 Stelle che oggi insieme ad altri tre parlamentari del movimento si è recato in visita allo stabilimento fiorentino. Ai parlamentari i responsabili del centro militare hanno confermato di aver già inviato tutta la documentazione necessaria al ministero della Difesa (dal quale lo stabilimento dipende) e di aspettare solo il via libera del ministro Lorenzin per iniziare la produzione di cannabis a scopi terapeutici per i malati italiani, i quali sono ancora costretti ad importare la cannabis dall’Olanda con grossi ostacoli burocratici ed economici.

GIA’ INDIVIDUATA LA VARIETA’ DI CANNABIS DA PIANTARE. L’ok alla produzione di cannabis sarebbe non solo una buona notizia per i malati ce ne hanno bisogno ma per tutto il paese. Lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze è infatti il centro che da oltre un secolo produce i cosiddetti farmaci “orfani”, cioè le terapie per quelle malattie troppo rare per essere considerate commercialmente appetibili dalle multinazionali del farmaco. E se fino a qualche decennio fa nello stabilimento militare si producevano 240 farmaci ora la produzione è di appena 20 medicinali a causa dei tagli imposti dal governo e il centro è a rischio chiusura. “La produzione di cannabis consentirebbe di risollevare le sorti di uno stabilimento fondamentale per la salute dei cittadini rendendolo economicamente autosufficiente”, spiega Bernini. Per questo i responsabili dello stabilimento hanno già predisposto un capannone grande oltre 10mila metri quadrati per la produzione, ma non solo: è già stata anche individuata la varietà di cannabis da piantare, che sarebbe fornita dal Cra, il Centro per la Ricerca di Rovigo.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button