Lifestyle

Le Barbados vogliono introdurre il reddito di base universale

Il governo delle Barbados ha iniziato a lavorare alla creazione di un reddito di base universale per ridurre al minimo la percentuale di “popolazione impoverita”, migliorando la qualità della vita ed offrendo pari opportunità a tutti i cittadini

Le Barbados vogliono introdurre il reddito di base universale

Il governo delle Barbados ha iniziato a lavorare a un reddito di base universale per i suoi cittadini. Nello specifico, secondo quando dichiarato dall’inviato del primo ministro per gli investimenti e affari finanziari Avinash Persaud su Facebook, la misura prevede un cosiddetto dividendo di cittadinanza che, grazie al già esistente credito d’imposta inverso – con cui il governo integra i redditi che non rientrino entro certi limiti minimi -, si tradurrà in un vero e proprio reddito universale per tutti i cittadini almeno diciottenni dello Stato insulare, recentemente uscito dal Commonwealth.

Sebbene si tratti di una delle proposte più progressiste e ambiziose mai avanzate nel Paese, la misura non sembra, però, ancora convincere la comunità internazionale. Se da un lato le Barbados non sono infatti estranee a provvedimenti di questo tipo – tra cui l’istruzione terziaria gratuita e il credito d’imposta inverso –, dall’altro sono ancora numerosi i dubbi riguardo l’effettiva realizzazione e copertura finanziaria del piano.

Nel 2021, l’isola ha infatti attraversato un momento di transizione storico, dichiarando la propria indipendenza dalla Corona britannica e allontanandosi dal Commonwealth, una mossa che, secondo alcuni commentatori, potrebbe presto tradursi in nuovi legami con la Cina di Xi Jinping, che dal 2013 ha finanziato i governi caraibici con oltre 6 miliardi di dollari di investimenti.

Le stesse Barbados hanno, infatti, ricevuto oltre 400 milioni di dollari da Pechino, soldi che verranno verosimilmente investiti in nuove infrastrutture, ma che rischiano di tradursi in una situazione di indebitamento con il Dragone Rosso simile a quella di Uganda e Sri Lanka, in passato costretti a cedere terreni e risorse al governo cinese.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button