img4

Mykayla Comstock, sette anni, ha ricevuto la diagnosi di leucemia l’anno scorso. Per combattere gli effetti collaterali debilitanti della chemioterapia, Mykayla si è rivolta ad un’altra medicina: l’olio di Cannabis. “Mi aiuta a dormire – dichiara la bambina a Oregonian – la chemioterapia ti fa stare male e ti fa stare in piedi tutta la notte”.

La cannabis è stata largamente accreditata per il suo potere di ridurre il dolore, la nausea e il vomito nei pazienti chemioterapici, benefici che la madre di Mykayla, Erin Purchase, definisce come impossibili da ignorare. “Oggi mia figlia è come era prima” ha detto la Purchase ad Oregonian. “Una bambina normale”. Erin, a sua volta paziente in cura con marijuana terapeutica, coltiva la sua medicina e somministra giornalmente a Mykayla pillole di olio di cannabis. La donna attribuisce alla pianta il recupero della figlia. Secondo ABC News, Erin Purchase ha inserito Mykayla nel programma Marijuana Terapeutica Oregon in meno di tre giorni dalla diagnosi di leucemia, lo scorso Luglio.

Inizialmente i medici erano preoccupati per la scarsa risposta al trattamento chemioterapico della bambina e suggerirono un suo probabile bisogno di trapianto di midollo osseo. Mykayla iniziò allora ad assumere le pillole di olio di cannabis e, già i primi giorni di Agosto, la malattia era in remissione e il trapianto non fu più necessario.

“Non credo sia una semplice coincidenza” dice la madre “Credo che la Cannabis l’abbia aiutata a eliminare il cancro dal suo corpo”. 
Il pensiero di un paziente così giovane che assume marijuana terapeutica, non è accettato da tutti: infatti, dopo aver visitato la figlia in Agosto, il padre di Mykayla, Jesse Comstock, che vive in Nord Dakota, ha preso in carico il problema. “Era completamente intontita – dice Comstock – tutto ciò che voleva era starsene a letto a giocare ai videogiochi”. Comstock, dopo la visita alla figlia, chiese aiuto ad un laboratorio privato, che riscontrò la presenza di THC nell’organismo della bambina.

Il padre si mise allora in contatto con la polizia di Gladstone. Dopo aver esaminato i documenti per la marijuana terapeutica di Mykayla, il dipartimento disse a Jesse di avere le mani legate. Da allora la bambina continua la sua terapia con successo
La madre dichiara che continuerà a dare a Mykayla i derivati della Cannabis per i due o tre anni che rimangono di chemioterapia.


Un video di Mykayla dipinge un quadro commovente del suo uso di Cannabis. In uno spezzone postato sulla pagina FB “Brave Mykayla”, la bambina articola una visione infantile di come “la cannabis cura la malattia” dicendo che “ti aiuta a mangiare, ti può aiutare a dormire… e ti aiuta anche a sentirti una persona normale”.

Le paure del padre per la figlia sono allineate a quelle di altri americani preoccupati che l’esposizione di un cervello in sviluppo agli effetti psicoattivi della marijuana possa essere dannoso. Come per molte altre medicine, gli effetti a lungo termine dell’uso adolescenziale di marijuana non sono conosciuti. Bisogna comunque considerare che i chemioterapici, come gli oppioidi, sono usati rispettivamente per curare certe patologie e per controllare il dolore nei pazienti oncologici, bambini inclusi. Sono tutti molto più potenti della marijuana e regolarmente associati a casi di overdose. La cannabis è conosciuta per essere una sostanza relativamente benigna, tra le meno tossiche al mondo, con pochi rischi per la salute e nessun caso di decesso associato al suo uso.

Pesare i pro ed i contro della marijuana terapeutica non è comunque un compito semplice. La ricerca ha correlato l’uso adolescenziale di erba con danni neuropsicologici, ma lo ha anche associato all’attività antitumorale. Il cannabidiolo (CBD), uno dei tanti cannabinoidi contenuti nella cannabis, mostra potenziale particolarmente promettente nel trattare parecchie patologie. In California Jayden David, sei anni, è affidato a una miscela creata appositamente di CBD e THC per trattare la sua sindrome epilettica potenzialmente mortale, la sindrome di Dravet.

Mykayla non è l’unico piccolo paziente in Oregon ad usare la marijuana terapeutica: al momento, secondo quanto dichiarato dall’agenzia della salute dell’Oregon, ci sono altri quattro pazienti nel programma Marijuana Terapeutica Oregon che hanno età comprese tra i quattro e i nove anni, altri sei tra i dieci ed i quattordici anni e quarantuno tra quindici e diciassette anni. Dolore intenso, nausea, spasmi muscolari e crisi epilettiche sono tra le principali condizioni citate per l’uso terapeutico della marijuana. Un recente articolo di O’Shaughnessy esamina l’uso di marijuana terapeutica in un bambino che va all’asilo affetto da cancro al cervello e in un paziente di sette anni affetto da diabete e ADHD. La cannabis ha reso le loro routine giornaliere più gestibili, aiutando loro a interagire e collaborare con gli altri bambini a scuola: una componente chiave dello sviluppo infantile.

fonte: oregonlive.com





Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.