Birra corner

Azacca, il nuovo luppolo americano

Azacca, il nuovo luppolo americanoIl mondo della coltivazione dei luppoli è un mondo in continuo sviluppo, come d’altronde lo è quello dell’agricoltura in generale. Alle specie di base si aggiungono, ogni anno, altre create per incrocio, o altre piantate in zone dove non erano coltivate (per capire come quel luppolo si adatta al nuovo territorio, e quali aromi assume).

L’esempio più classico è quello del Cascade, luppolo americano uscito nel 1976 e derivato dall’inglese Fuggle, che nel nuovo continente sviluppò una buona resistenza ai parassiti che lo colpivano. E anche l’Italia non è da meno, come dimostra il progetto di Italian Hops, che recupera luppoli del nostro territorio: oggi abbiamo Aemilia e Futura, che ricordano luppoli continentali (ossia erbacei e terrosi) e il Modna, che invece presenta caratteristiche più resinose e agrumate in primo piano.

Ultimamente ho bevuto alcune birre che presentano nuovi luppoli USA: Idaho 7, Azacca, Cashmere e Jester, originari dell’Oregon e dello Stato di Washington. In particolare ho provato l’Azacca nella Flamingo del birrificio WAR, una session ipa con tre malti base, l’Azacca appunto come unico luppolo ed un lievito a bassa fermentazione di origine tedesca. Ho trovato la sua tropicità da mango e papaia unita ad un agrumato elegante (arance rosse) molto piacevole e dissetante. Cheers!

Michele Privitera
Titolare de “Il Pretesto Beershop” di Bologna

 

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button