CONVEGNO PDL: TUTTI CON BERLUSCONI

Anche quest’anno si prevede un autunno caldo, non si parla certo di temperature e meteo, ma di politica, di economia, di scelte importanti per il futuro del paese, e nulla lascia ben sperare. Questa estate i telegiornali e tutti i media ci hanno letteralmente inondato con notizie superficiali sulla manovra economica del Governo, condite da dichiarazioni inquietanti o deliranti a seconda dei casi, che riescono sempre a distrarre il dibattito pubblico dai veri problemi da discutere piuttosto che essere propositive come vorrebbero far credere.

A partire dai grandi temi come la guerra, i cpt, le tav e le centrali a carbone, dove le popolazioni esprimono in maniera esplicita la propria opinione dettata dal buon senso e dalle conoscenze dei fatti e dei territori, opinione che viene sistematicamente ignorata dai politici che antepongono gli interessi di lobby economicamente più cospicue delle persone, che successivamente fanno i conti con le problematiche derivanti dalle decisioni prese.

L’economia ristagnante, la disoccupazione dilagante e l’occupazione di pessima qualità, il potere di acquisto delle famiglie ridotto oramai ai minimi termini, il sistema carcerario al collasso, e potremo continuare. In questa situazione socialmente ed economicamente disastrosa ha fatto discutere la notizia di una sentenza della Cassazione in materia di stupefacenti avvenuta prima dell’estate. Nel caso sentenza 25674/11 il Giudice ha deciso per l’assoluzione di un ragazzo trovato in possesso di una pianta di marijuana coltivata in terrazzo.

Il giovane Ministro Meloni fa sapere che: “La motivazione della sentenza ha poi qualcosa di agghiacciante (…) e rischia di stabilire un precedente gravissimo: ovvero che un reato non sia più tale, nonostante la legge, quando considerato ‘inoffensivo’ ”.

A parte il fatto che non è la prima sentenza di questo genere, infatti, la Cassazione (n. 28605/2008) aveva optato per una valorizzazione del principio di offensività altre volte. Ci chiediamo se la Meloni abbia mai riflettuto (essendo ancora giovane) sul povero coltivatore incriminato, è un ragazzo, incensurato, e secondo il principio dell’offensività del diritto penale, la Meloni trova “agghiacciante” il ragazzo in questione che non ha leso né la società né persone fisiche, di conseguenza se ne vorrebbe punire un comportamento libero e personale chiudendolo in galera, segnando la sua vita per sempre.

Siamo in ostaggio di politici e leggi che passano sopra ogni diritto personale, politici che non conoscono quello di cui parlano, non pagano mai le conseguenze dei loro reati, ma si ergono a giustizieri quanto ad uscire dalla legge (in questo caso pessima, anticostituzionale e scritta da loro) sono dei consumatori di canapa, che si vogliono criminalizzare ad ogni costo.

Ma il Ministro Meloni dove vive? Si rende conto che conseguenze personali e collettive avrebbe avuto la galera per un ragazzo che non ha niente a che fare con la criminalità? Si rende conto che in paesi confinanti e civili, la detenzione di una o più piantine non è considerato reato e le forze dell’ordine non impegnate a reprimere un fenomeno di massa diffuso, potrebbero fare meglio il loro lavoro e rendere le nostre città più vivibili?

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.