Alcuni stili di birra sono più adatti a essere bevuti in particolari stagioni, seguono il cambiare del tempo, e non sempre perché contengono elementi che crescono solo in alcuni periodi (ad esempio, castagne o ciliegie). Nella ormai brevissima stagione autunnale, personalmente, trovo molto piacevoli le birre ambrate, o leggermente scure, come le Mild o le Porter (tutto questo in preparazione alla stagione invernale, quando tracanno litri di Imperial Stout). In genere non impazzisco per quelle dolci e caramellose, magari con lievito belga, a meno che la temperatura (esterna) non sia molto bassa. Sì, perché le birre ambrate non sono necessariamente zuccherine e pastose, ma possono avere anche una bevuta secca e dissetante.

La Bu.BU di Blonde Brothers, nuovo birrificio di San Donà di Piave, ricalca questa caratteristica. Questa amber ale, dal colore arancione carico, potrebbe ricordare la marmellata di prugne o di datteri, ma basta avvicinare il naso per cogliere subito l’aroma erbaceo e agrumato dei luppoli americani (Amarillo, Citra e Mosaic). In bocca, i malti caramellati fanno da base, ma il sapore è molto più tendente al tostato, sfiorando quasi note di caffè. L’uso di un lievito per fermentazioni “americane” (US-05) aiuta la secchezza finale. Ne risulta una bevuta leggera, scorrevole, con piccole note di frutta tropicale e rossa che stemperano la dolcezza di base. Cheers!

Michele Privitera
Titolare de “Il Pretesto Beershop” di Bologna





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.