High times

Autoproduzione di 4 piante e Cannabis Social Club: la proposta di Malta per la cannabis

Autoproduzione di 4 piante e Cannabis Social Club: la proposta di Malta per la cannabis

Coltivazione di 4 piante per famiglia, possesso di 7 grammi per gli adulti senza nessuna conseguenza e istituzione dei Cannabis Social Club: è la proposta di Malta per la riforma della cannabis presentata al parlamento questa settimana. È il risultato di un cammino che viene da lontano, perché nel paese sono mesi che si discute di un nuovo approccio nei confronti della cannabismi slegato dai pregiudizi. Ecco la nuova proposta di legge illustrata dal Times of Malta.

Autoproduzione e possesso di cannabis

Secondo il progetto di legge, gli adulti potranno possedere legalmente fino a 7 g di cannabis senza il rischio di arresto o confisca. Saranno anche autorizzati a coltivare fino a quattro piante di cannabis in casa. Questo limite di quattro piante si applica per famiglia, non per persona. Le piante non devono essere visibili da altri luoghi.
Le persone saranno inoltre autorizzate a conservare in casa fino a 50 grammi di cannabis essiccata in qualsiasi momento. Il limite legale di 7 grammi non sarà applicato ai minori che, nel caso fossero sorpresi con cannabis, dovranno comparire davanti a un commissario di giustizia per la preparazione di un piano di cura. Anche gli adulti che avranno in pubblico più di 7 grammi e fino a 28 dovranno comparire davanti al commissario di giustizia.

Divieto di fumare in pubblico

Fumare in pubblico resterà vietato e chi lo farà rischierà una multa fino a 235 euro che diventa di 300 nel caso di minori.

Associazioni e Cannabis Social Club

È la novità introdotta dalla nuova proposta di legge: i consumatori di cannabis che non vogliono o non possono coltivare potranno diventare membri di un’associazione per comprare cannabis legalmente. Gli associati coltiveranno cannabis da distribuire tra i membri, fino a un massimo di 7 g al giorno e 50 g al mese. I membri saranno anche autorizzati a comprare fino a 20 semi al mese dalle associazioni di cui fanno parte. Le persone non potranno diventare membri di più di un’associazione che dovranno essere gestite come ONG. Non solo, perché ogni associazione non potrà avere più di 500 membri e può immagazzinare solo 500 g di cannabis secca in qualsiasi momento. Le associazioni dovranno poi essere a più di 250 metri dalle scuole o dai luoghi frequentati dai giovani e non potranno pubblicizzare la cannabis o promuovere la cultura legata a questa pianta.
Infine tutte le associazioni di cannabis di Malta dovranno registrarsi presso la nuova Responsible use of Cannabis Authority e presentare un rapporto ogni tre mesi. Gli elenchi dei membri rimarranno anonimi.

Cannabis e crimini precedenti

I reati per il possesso di cannabis potranno essere cancellati dalla propria fedina scrivendo una lettera di richiesta in tal senso. “Vogliamo cambiare le cose. Questa è la decriminalizzazione limitata della cannabis e l’introduzione di una fonte regolarizzata per ottenere la cannabis. Vogliamo smettere di umiliare le persone colte con piccole quantità e fermare il mercato nero. Non stiamo incentivando il consumo di cannabis ma affrontando la riduzione del danno”, ha detto Owen Bonnici, il ministro per l’Uguaglianza del Paese che ha illustrato i nuovi dettagli della proposta.

 





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.