semi canapaLa notizia è rimbalzata dai quotidiani locali di Benevento ed ha veramente dell’assurdo: un uomo di 31 anni è stato denunciato a seguito del ritrovamento nella sua camera da letto di 42 semi di canapa. Solo semi, nemmeno un grammo di cannabis. Da quanto si apprende, i carabinieri del comando di Morcone hanno perquisito l’abitazione dell’uomo di Sassinoro (paese della provincia di Benevento) nell’ambito di una “attività di contrasto all’uso ed allo spaccio di sostanza stupefacente e a conclusione di un’attività d’indagine culminata con la perquisizione dell’abitazione dell’uomo”. I 42 semi sono stati ritrovati nel comodino della stanza da letto. “Quanto rinvenuto è stato sottoposto in sequestro, e la persona dopo le formalità è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Benevento per la violazione di cui all’art.73 DPR 309/90”, cioè l’articolo di legge che punisce il possesso ai fini di spaccio di stupefacenti.

UN PROVVEDIMENTO SENZA ALCUNA BASE GIURIDICA. “Non ho parole, resto allibito di fronte alla notizia di una denuncia che non ha nessuna base legale”, è quanto ha dichiarato l’avvocato Carlo Alberto Zaina, “sembra che in alcune zone del paese i comandi delle forze dell’ordine non sappiano che in Italia vige il principio della nozione legale degli stupefacenti, cioè che sono considerabili stupefacenti solo le sostanze inserite nelle tabelle ministeriali, all’interno delle quali ovviamente non vi sono i semi di canapa, in quanto non contengono alcun principio psicoattivo”. Una vera assurdità che ora costerà all’uomo lunghe conseguenze legali, nella speranza che il Pubblico Ministero quando si troverà a dover convalidare il sequestro e la denuncia dell’uomo decida come parrebbe ovvio di negare l’autorizzazione a procedere. “Anche perché su questo, una volta tanto, anche l’indirizzo dei tribunali è assolutamente concorde e pacifico nel non considerare reato il possesso di semi di canapa”, specifica l’avvocato Zaina.





8 Comments

  1. basterebbe rivedere il criterio di promozione delle ff.oo

  2. E' evidente che il sogno repressivo delle forze dell'ordine non è finito. Svegliatevi e pensate a cose serie! Può darsi che fossero sicuri di trovare altro e di fronte alla frustrazione di pochi semi si siano accaniti.

  3. chissà xchè in una qualsiasi caserma delle forze dell'ordine,sai quando entri ,ma non sai se esci……. si può morire gratis! grazie allo stato italico e alle forze disordinate,per 3/4 marcite a forza di stare insieme alle mele marcie:c'è nè in abbondanza in ogni caserma,sono stato in galera,ma non ho conosciuto delinquenti tanti quanti nelle caserme.FATEVI UN ESAME DI COSCIENZA!!! se c'è ancora,anche se dubito.buonagiornata.

  4. scusami,ma è IGNORANZA allo stato assassino.

  5. Si potrebbe fare una bella deratizzazione ,prima in parlamento:dove giacciono salme pagate da 30 anni,poi tra i vertici delle ffoo,dato che prima delle promozioni erano delinquenti,poi i nuovi fateli istruire,uno stronzetto di 23 anni in divisa che fà il bullo con un 5o enne,senza sapere che potrebbeessere l'ultima cagata della sua vita disperata,insegnategli il rispetto x i cittadini,sono loro che vi pagano!!e x finire l'EDUCAZIONE,di cui il 50%non sà che serve x vivere in pace.buonagiornata.

  6. l'ignoranza altrui a volte può rovinarti la vita

  7. Marco Pelusi says:

    A me hanno trovato piu di 100 semi e me li hanno riconsegnati senza neanche denuncia .. che sbirri senza cervello e oltretutto non aggiornati con le leggi!

  8. Mi piace assai la prosopopea dei togati quando dicono che "la legge non ammette ignoranza,oppure quando dicono che la legge è uguale x tutti…ahahahah……

Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.